Isis e Irak

La battaglia per conquistare quel che rimane di Mosul ovest, ultimo bastione dell’Isis nel nord dell’Iraq, è alle battute finali. L’offensiva delle Forze Armate Irachene lealiste sostenute dalle milizie Hashed Chaabi conquistano aree strategiche, e lo Stato Islamico si nasconde nel centro storico del Mosul, usando la popolazione come scudo umano, mentre il confine con la Siria è completamente controllato dalle Milizie Irachene e la Polizia Federale. L’Esercito Iracheno ha annunciato l’avvio di una nuova offensiva contro gli jihadisti dell’Isis che resistono in alcuni distretti di Mosul ovest, in particolare nella zona della Città Vecchia.

Combattenti di Hezbollah in Iraq

Il Libano non dà tregua ai terroristi lungo tutto il confine libanese, che rimane tranquillo e protetto dopo la liberazione della regione del Qalamoun e Qusseir. Mentre scriviamo giungono le notizie che il Fronte al-Nuṣra (Jabhat al-Nuṣra), che si trova ancora nel Qalamoun Ovest da giorni sotto i colpi degli Hezbollah, chiede aiuto alle Autorità libanesi per salvare i propri feriti e portarli negli ospedali libanesi. I protagonisti della scena sono la Federazione Russa, la Repubblica Islamica dell’Iran, l’Iraq, la Siria, cioè i Paesi costretti all’embargo dall’Europa, escludendo il Libano… Ma l’Europa, con chi sta? Fonte: Assadakah Najia al Houssari – il Cairo Jafar Mhanna – Damasco Talal Khrais, Paola Angelini – Roma

http://www.controinformazione.info/guerra-e-diplomazia-lo-stato-islamico-schiacciato-tra-il-confine-siriano-e-iracheno/

Autore: redattorecapo

associazione culturale Araba Fenice fondata a Bondeno (FE)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: