Controinformazione

Allora chi ha creato il mito della compagnia mercenaria russa ChVK Wagner? La storia della Wagner viene dapprima promossa da tale Ruslan Leviev, (a capo del Conflict Intelligence Team, un sito di propaganda filo-ucraino che si camuffa da ‘sito di analisi militare’), e quindi rilanciata oltre che dai siti di propaganda neonazisti ucraini (come censor.net), da fonti come Radio Liberty, la radio creata dalla CIA per dare voce ai gruppi di fascisti e nazisti fuggiti negli USA e arruolati da Langley e Pentagono per la guerra fredda contro il blocco sovietico. La fonte russa che propaga l’esistenza della ChVK Wagner è il sito Fontanka.ru, universalmente ignorato in Russia data la totale inaffidabilità. In sostanza, non c’è alcuna prova dell’esistenza di tale compagnia mercenaria russa. Infatti, tutte le aziende in Russia sono registrate sui siti Brank.com ed Ergul.nalog.ru, dove tale compagnia non compare. L’unico documento ufficiale che menziona la “PMC Wagner” è non a caso del dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti; tale designazione suscitava però ilarità nell’infosfera russa, dato che gli Stati Uniti avevano sanzionato un ente che non esiste.
Il mito della compagnia mercenaria Wagner nasce nell’agosto 2014, quando l’SBU, ovvero i servizi segreti ucraini, dovettero trovare una giustificazione per l’abbattimento presso Khrjashevatoe, vicino Luqansk, nel Donbas, di un aereo da trasporto militare ucraino con a bordo decine di paracadutisti inviati da Kiev per occupare l’aeroporto di Lugansk. Secondo l’SBU, furono i mercenari della Wagner che abbatterono l’aereo ucraino, non potendo dire che fu abbattuto da semplici operai del Donbas perché l’operazione d’assalto ucraina fu pianificata in modo sgangherato dai nuovi vertici ‘rivoluzionari’ fascisti e atlantisti ucraini che, appena preso il potere, epurarono i vertici delle forze armate ucraine, sostituendo personale competente con pagliacci neonazisti, psicotici settari e altri sgherri della CIA. Da allora l’SBU ucraina snocciolò cifre totalmente fantastiche su presunte perdite tra il personale del gruppo Wagner, che a quanto pare non sarebbe formato da veterani militari, ma da guerrieri della domenica con propensione al suicidio.Riferimento: Wagner Group

https://aurorasito.wordpress.com/2018/02/17/la-siria-e-i-mercenari-fantasma-russi/

Autore: redattorecapo

associazione culturale Araba Fenice fondata a Bondeno (FE)

2 pensieri riguardo “Controinformazione”

  1. utte queste lacrime mediatiche sono state pianificate in un incontro riservato avvenuto a Washington fra diplomatici dell’autodefinito “Piccolo gruppo americano sulla Siria” (Stati Uniti, Gran Bretagna, Francia, Arabia Saudita e Giordania), e di cui il giornalista Richard Labeviére ha ottenuto una minuta della riunione. Ve ne ho parlato anch’io il 20 febbraio nell’articolo “Aria nuova in Siria – salvo che per gli occidentali”.

    In quella riunione si è deciso (come ho riportato) di “mantenere la pressione sulla Russia, anche se non può si può convincere Mosca ad abbandonare il regime come speravamo”. A questo proposito, “dobbiamo continuare – ciò che stiamo già facendo – a denunciare l’orribile situazione umanitaria e la complicità russa nella campagna di bombardamento di obiettivi civili”.

    La RAI-TV esegue, come sapete”, avevo scritto. Facile previsione.
    Sono i jihadisti di Goutha che ammazzano i civilia Damasco

    Bisognerà ricordare che Goutha Est è un vasto quartiere di Damasco, occupato dai terroristi sunniti jihadisti che non solo tengono in ostaggio la popolazione civile che non è riuscita a scappare (in tempo di pace ci abitavano in 400 mila), ma che da anni sparano tiri di artiglieria contro la parte civile e pacifica di Damasco, uccidendo ogni volta una dozzina di passanti – fra cui molto bambini che la Goracci non vede, perché non le arrivano i servizi video degli Elmetti Bianchi.
    https://www.maurizioblondet.it/la-verita-sulle-stragi-goutha/

    "Mi piace"

  2. Francamente, sto iniziando a credere che l’Impero abbia deciso di tentare una parziale ” riconquista ” della Siria, anche Macron sta facendo alcuni rumori per colpire i siriani per “punirli” per il loro uso di armi chimiche (inesistenti). Per lo meno, gli Stati Uniti vogliono far pagare ai russi il più alto prezzo possibile per il loro ruolo in Siria. Ulteriori obiettivi statunitensi in Siria includono: L’imposizione di una spartizione di fatto della Siria prendendo sotto controllo il territorio siriano a est del fiume Eufrate (potremmo chiamarlo “piano C versione 3.0”) Il furto dei giacimenti di gas situati nella Siria nord-orientale La creazione di un’area di sosta controllata controllata dagli Stati Uniti da cui possono essere pianificate ed eseguite operazioni curde, terroristiche e terroriste Il sabotaggio di qualsiasi negoziato di pace appoggiato dalla Russia Il supporto per le operazioni israeliane contro le forze iraniane e di Hezbollah in Libano e in Siria Impegnarsi in regolari attacchi contro le forze siriane che tentano di liberare il loro paese dagli invasori stranieri Presentare l’invasione e l’occupazione della Siria come una delle “vittorie” promesse da Trump al MIC e alla lobby israeliana Finora la risposta russa a questa strategia di sviluppo è stata piuttosto passiva e l’attuale escalation suggerisce fortemente che potrebbe essere necessario un nuovo approccio. L’abbattimento dell’F-16 israeliano è un buon primo passo, ma occorre fare molto di più per aumentare drasticamente i costi che l’Impero dovrà pagare per le politiche verso la Siria. L’aumento del numero di commentatori e analisti russi che chiedono una reazione più forte alle attuali provocazioni potrebbe essere un segnale che qualcosa è in divenire. Fonte: Russia Insider Traduzione: Segei Leonov
    https://www.controinformazione.info/escalation-in-siria-fino-a-che-punto-possono-essere-sospinti-i-russi/

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: