L’economia è un pretesto

Abbiamo già detto più volte come il debito pubblico sia un’invenzione e il suo rimedio (l’austerità) sia fallimentare; semplicemente chi ha il potere detta le regole e il potere rimane sempre quello militare.

Detto questo:

Giorgetti ha giusto chiesto ufficialmente alla BCE di prolungare il quantitative easing, come sta facendo da tre annui, per contrastare la speculazione mentre il paese lancia un programma di investimenti per le infrastrutture, che può migliorare l’occupazione, produrre la ripresa, e quindi abbassare il rapporto debito/pil: che è quello che in teoria i tedeschi esigono. In teoria.

Lo farà Berlino? Secondo tutti segni, non accetterà . A meno che…. L’esposizione mostruosa delle banche spagnole, francesi, e italiane (ma solo in terzo luogo) verso la Turchia, non costituisca la scusa di cui c’è bisogno. Continuare a stampare per salvare la Spagna, stampare per salvare la Francia, i due paesi su cui Berlino conta per la loro fedeltà e come alleati anti-italiani.

I guai delle banche spagnole, francesi, e di Unicredit sono del retso causati dalla ideologia: la BCE ha il divieto di creare denaro dal nulla comprando direttamente dal Tesorodegli Stati Uniti:  lo fa “sul mercato secondario”, ossia lo compra dalle banche private che hanno previamente comprato i titoli dallo Stato. La differenza delle conseguenze è fondamentale: lo Stato spenderebbe i soldi creati dalla BCE all’interno, nelle infrastrutture che hanno tanto bisogno di essere rammodernate in Europa; le banche non sanno come investire all’interno in tale recessione austeritaria, e vanno a finanziare paesi come la Turchia e gli altri emergenti. Che adesso sentono tutti le conseguenze del collasso della lira turca, persino quelli che nulla c’entrano, come la Polonia.

D’altra parte, sta per incombere la prossima crisi mondiale, replica di quella del 2008: magari il crack di Tesla, la ditta di auto a cui “i mercati” hanno dato miliardi di dollari credendo alle mirabolanti innovazioni (ecco un’ altra prova di come “I privati sanno meglio allocare i capitali che gli Stati”). Le banche centrali hanno ormai poche frecce al loro arco per contrastarla. Ma interrompere la stampa sarebbe privarsi di quelle poche.(1)

Sulla prossima crisi mondiale non posso che concordare e ritengo che noi ne saremo travolti se continueremo ad avere USA ed UE come orizzonte di riferimento, invece di Russia e Cina.


  1. https://www.maurizioblondet.it/e-se-il-salvatore-delleuro-fosse-il-piano-borghi/

Autore: redattorecapo

associazione culturale Araba Fenice fondata a Bondeno (FE)

2 pensieri riguardo “L’economia è un pretesto”

  1. I caccia dell’esercito cinese sono stati trasferiti nell’aerodromo militare della regione di Cheljabinsk, Federazione Russa, per partecipare alle manovre internazionali dell’Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai (SCO) “Missione di Pace – 2018”, riporta il Distretto Militare Centrale (TsVO). “I caccia dell’Esercito di Liberazione Popolare della Cina (ELP) furono inviati sulla base aerea militare Shagol nella regione di Cheljabinsk per partecipare alle manovre internazionali Missione di Pace-2018 dell’Organizzazione della Cooperazione di Shanghai (SCO). Nel gruppo aereo dell’ELP vi erano 2 caccia multiruolo Shenyang J-11, 4 cacciabombardieri Xian JH-7 e 6 aerei da trasporto polivalenti Shaanxi Y-9”, affermava il rapporto. In precedenza, 4 elicotteri multiruolo Mi-171, 4 elicotteri d’attacco Z-10 e 2 aerei da trasporto Il-76 arrivarono sull’aerodromo Shagol. Pertanto, l’intero gruppo aereo cinese si era trasferito nella regione di Cheljabinsk. Durante le manovre, i piloti elaboreranno le operazioni di delocalizzazione sugli aeroporti di riserva, coprendo le truppe sulla via del dispiegamento, sbarco di personale, ricognizioni aeree, oltre a lanciare missili e bombe contro obiettivi terrestri, indicava TsVO.

    "Mi piace"

  2. “C’è un rapporto tra i 12 mila soldati americani e i 500 mila rifugiati africani in Italia?”.

    Voi trasecolate, e non capite che relazione esista fra gli uni e gli altri? E’ che siete italiani e “gli italiani non ne sono capaci. L’euroscetticismo fiorisce in Italia. Ma non si vede fiorire né il NATO-scetticismo né lo USA-scetticismo”. Gli italiani ospitano 139 basi americane , ma “è un soggetto tabù” sui media. “La macchina da guerra americana si sviluppa in Italia allo steso ritmo del numero dei rifugiati, che tanto esasperano Roma. Ma in Italia non è pensabile di stabilire la relazione fra gli uni e gli altri”.
    Per fortuna O’Brien ce la svela: “Dal 2000, gli Stati Uniti hanno trasformato la penisola italiana nel pugnale puntato verso il Mediterraneo, e l’Africa in particolare. Nel 2005, la marina americana ha lasciato il suo quartier generale a Londra e lo ha trasferito a Napoli. Nel 2008, l’armata americana in Africa, USARAF, s’è installata a Vicenza. E la Sicilia, con la base di Sigonella , è divenuta il centro maggiore dei droni americani e degli aerei che sorvegliano l’Africa”
    https://www.maurizioblondet.it/attali-attacca-salvini-e-non-e-il-solo/

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: