Macronata

Jean-Luc Mélenchon (Tangeri, 19 agosto 1951) è un politico francese, fondatore nel 2008 del Partito di Sinistra. È stato candidato alle elezioni presidenziali del 2017, senza il Fronte di Sinistra (coalizione con cui aveva ottenuto più dell’11% dei voti nel 2012), ma in nome del movimento “La France Insoumise” (FI), fondato per sostenere la sua candidatura nel febbraio 2016.[1] Con esso ha ottenuto il 19,58% dei voti:  anche se  non sufficienti per accedere al ballottaggio,   lo hanno  comunque  piazzato davanti al candidato del Partito Socialista Benoit Hamon (6,36%). È la prima volta nella storia della Quinta Repubblica francese che un candidato di sinistra supera il candidato del Partito Socialista alle presidenziali[2].

La serie di perquisizioni  è  fatto di  gravità inaudita, che viene  dopo l’ordine giudiziario a Marine Le Pen di sottoporsi a perizia psichiatrica: non sono coincidenze, ma l’attacco concentrico di Macron e della sua cosca globalista contro gli avversari politici meno addomesticati  e che hanno forti minoranze elettorali. La Le Pen  ha avuto il 33,94% dei voti.

Jean-Luc Mélenchon  aveva espresso piena solidarietà a  Marine Le Pen: “Disaccordo totale con la psichiatrizzazione della politica. Madame Le Pen è responsabile delle sue azioni politiche. Non è vero che per combatterla ogni mezzo è buono e accettabile. Non è con tali metodi che l’estrema destra sarà arginata”.

https://www.maurizioblondet.it/la-democrazia-secondo-macron/

Autore: redattorecapo

associazione culturale Araba Fenice fondata a Bondeno (FE)

1 commento su “Macronata”

  1. Ma per la Francia, le opzioni di tornare indietro sono finite; ci sono così tanti milioni di “migranti” nazionalizzati che “il vecchio fondo francese” potrebbe non essere più una maggioranza. Questo come già avvertito di quanto doveva verificarsi da Jean Raspail nel 1973 (da: Le Camp des Saints ), Eric Zemmour nel 2014 (in Le suicidio francais ), Georges Bensoussan nel 2004 e di nuovo nel 2017 (opera: Les Territoires perdus de la République , e Une Francia soumise ). L’ultima, Stephen Smith, autore del l’assalto verso l’Europa (2018), che prevede che più di un quarto popolazione d’Europa sarà nel 2050 di origine africana, perché “l’esplosione demografica sahariana porterà ad una migrazione di massa verso il Vecchio Continente, tanto più che l’Africa ha superato la prima soglia di prosperità “. (Perché qualunque cosa tu dica, per emigrare hai bisogno di soldi, come spiega la prima parte di questo articolo ).
    https://www.controinformazione.info/le-oligarchie-globaliste-guidano-allislamizzazione-delleuropa/

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: