Guerra di Crimea

Scontro navale nel Mar di Crimea.  Tre le navi della marina ucraina bloccate e catturate.
Domenica, 25 novembre, si è saputo che tre navi da guerra ucraine avevano violato il confine di stato russo. Senza sottomettersi alle legittime richieste della parte russa, le navi hanno continuato a muoversi nella direzione dello stretto di Kerch.
Come ha operato la marina russa di fronte al tentativo delle navi ucraine di entrare nelle acque territoriali della Crimea.
Secondo la marina ucraina, le navi da guerra della flotta ucraina sono state colpite e catturate dalle unità navali russe nello stretto di Kerch.

Come ha riferito il comando della Marina ucraina.
Secondo la parte ucraina, “la piccola nave blindata di artiglieria Berdyansk è stata danneggiata, una persona è stata ferita e le armi sono state utilizzate per bloccare la nave ucraina”.

Fonti ucraine riferiscono che tutte e tre le navi della marina ucraina sono state catturate, dopo l’assalto. “Secondo le informazioni operative, le piccole imbarcazioni blindate di artiglieria Berdyansk, Nikopol sono state colpite dal fuoco nemico e hanno perso la loro rotta. Il rimorchiatore Yana Kapu è stato costretto a fermarsi.
Le navi sono state catturate dalle forze speciali russe. Vi sono anche informazioni su due marinai militari ucraini feriti – questa è notizia ufficiale secondo informazioni della Marina ucraina. Gli equipaggi delle navi ucraine sono stati arrestati e le stesse navi sono state portate al traino.

Secondo le ultime informazioni dalla marina ucraina, le piccole imbarcazioni di artiglieria corazzata “Berdyansk”, “Nikopol” sono state colpite dal fuoco nemico e hanno interrotto la loro rotta. Anche il rimorchiatore di Yany Kapu è costretto a fermarsi. Le navi erano state catturate dalle forze speciali russe. Ci sono anche informazioni su due marinai ucraini feriti.

A causa degli eventi straordinari ad Azov, il presidente ucraino Poroshenko ha convocato un vertice militare.

Ricordiamo che domenica mattina due imbarcazioni di artiglieria della marina ucraina e un rimorchiatore hanno violato il confine delle acque territoriali russe e si sono dirette verso lo stretto di Kerch senza presentare correttamente una domanda di passaggio sotto il ponte. Più tardi da Berdyansk al ponte sulla Crimea sono arrivate altre due navi blindate di artiglieria della classe “Gyurza”. Di conseguenza, le imbarcazioni militari russe e una nave mercantile hanno bloccato l’accesso allo stretto e un aereo di attacco Su-25 è partito per pattugliare lo spazio aereo.

“Secondo le guardie di frontiera della Crimea del FSB, le navi ucraine hanno fatto manovre pericolose e hanno ignorato le legittime richieste della parte russa”, hanno detto i funzionari della sicurezza.

Vedi video: RT News

La parte ucraina, tuttavia, afferma di aver informato del loro arrivo e richiesto un permesso adeguato. Tuttavia, gli esperti osservano che l’Ucraina non risulta che abbia presentato il permesso alla parte russa in conformità con tutte le norme marittime applicabili, il che implicherebbe il riconoscimento dell’appartenenza della Crimea alla Russia.

Il Ministero degli Affari Esteri dell’Ucraina presumibilmente si consulta con urgenza con l’UE e con la NATO.

La portavoce russa Maria Zakharova, sulla sua pagina dei social network, ha notato che ora a Kiev, hanno iniziato provocazioni nello stretto di Kerch, “stabilendo la pace nel Donbass”. Inoltre, ha sottolineato che i metodi gangster delle autorità ucraine consistono nel fatto che iniziano prima la provocazione, poi continuano a forzare la pressione, e solo allora accusano la Russia di aggressione.

Ore 22.55
Il rappresentante ufficiale del Ministero degli Affari Esteri della Federazione Russa, Maria Zakharova, ha parlato delle provocazioni nel Mar Nero. Secondo lei, Kiev usa metodi gangster.

“L’ultimo scontro aperto tra Russia e Ucraina nello stretto di Kerch si è quasi trasformato in un conflitto militare esattamente 15 anni fa, poi i vicini hanno discusso della proprietà dell’isola di Tuzla, lungo la quale ora passa il ponte di Crimea. Territorio ucraino L’allora presidente Kuchma aveva usato questo scontro politicamente, quando nel novembre 2004 aveva sostenuto le elezioni di Yanukovich, ma perse contro Yushchenko “, hanno aggiunto gli autori delle fonti di Crimea

Il comando della Marina russa ha comunicato che “Vi sono prove inconfutabili della preparazione e della condotta delle provocazioni di Kiev da parte della marina ucraina nel Mar Nero. Questi materiali saranno presto resi pubblici “, ha riferito in una nota.
—————————————————-
Ultim’ora
L’Ucraina ha iniziato un massiccio bombardamento di aree residenziali DNI (Repubblica di Donetsk)
Circa mezz’ora fa, l’Ucraina ha iniziato un massiccio bombardamento di aree residenziali della proclamata Repubblica popolare di Donetsk (DPR), riferisce RIA Novosti, citando il suo corrispondente.

Come notato, il bombardamento, è stato anche condotto da artiglieria pesante, così come altri tipi di armi.

La notizia è completata.

In precedenza, l’ FSB della Russia ha riportato prove inconfutabili della provocazione di Kiev nel Mar Nero .

Fonti: Pravda      Riafan.ru      Nation.ru

Traduzione e sintesi: Sergei Leonov

https://www.controinformazione.info/crisi-di-crimea-scontro-in-mare-tra-forze-navali-russe-e-ucraine/

Autore: redattorecapo

associazione culturale Araba Fenice fondata a Bondeno (FE)

5 pensieri riguardo “Guerra di Crimea”

  1. Le attuali norme del diritto internazionale legalizzano l’intervento di qualsiasi Paese per impedire o fermare un conflitto. Con un po’ di sangue dei suoi marinai, l’Ucraina vuole una posizione politica vincente. La gente a Kiev non se ne pente da tempo. Terzo, visto che la Russia non sarà la prima a usare le armi contro ciò che in realtà l’Ucraina chiama pateticamente sua marina, Kiev cerca di accusare Mosca di violare la legge marittima internazionale. In effetti, la Convenzione sul diritto del mare prevede il diritto di passaggio a navi militari attraverso acque territoriali di un altro Stato. Questo è chiamato “diritto al libero passaggio” e per la sua attuazione basta una semplice notifica. Sembra che l’Ucraina abbia ragione. Ma in realtà, la stessa convenzione prevede il diritto di ogni Stato di chiudere le acque territoriali, qualsiasi parte temporaneamente o permanentemente, al “libero passaggio” od imporre altre restrizioni. Questo è esattamente ciò che ha fatto la Russia nello Stretto di Kerch, sulla base di considerazioni sulla sicurezza sia del traffico che del ponte di Kerch, che funzionari e semi-funzionari ucraini minacciarono di distruggere più volte
    http://aurorasito.altervista.org/?p=3758

    "Mi piace"

    1. MOSCA, Federazione Russa – Man mano che gli eventi continuano a intensificarsi, la Russia ha appena schierato circa 500 aerei da combattimento e aerei tattici lungo il confine con l’Ucraina.

      Lo ha annunciato oggi in un briefing del rappresentante del Dipartimento della Difesa del Ministero della Difesa dell’Ucraina, Vadim Skibitsky.

      “Oggi, circa 500 velivoli da combattimento tattico per aviazione e fino a 340 elicotteri da aviazione dell’esercito si sono concentrati lungo i confini dell’Ucraina”, ha detto Skibitsky.
      Ha notato che la Russia sta costruendo un gruppo di aviazione delle forze aerospaziali della Federazione russa vicino al confine con l’Ucraina. L’Ucraina da parte sua ha sempre più militarizzato la zona del cessate il fuoco che la separava dalle sue ex regioni di Lugansk e Donbass. La sua militarizzazione viola l’accordo di pace, messo a punto dal Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite e monitorato sul campo dall’OSCE.

      Traduzione: Luciano Lago

      https://www.controinformazione.info/questo-potrebbe-significare-la-guerra-commento-degli-analisti-sulla-situazione-nello-stretto-di-kerch/

      "Mi piace"

  2. L’Ucraina ha la funzione del detonatore per far scoppiare il conflitto, da cui la NATO si terrà inizialmente fuori, salvo fornire supporto ed assistenza militare all’esercito ucraino.
    I governi europei hanno immediatamente preso posizione a favore dell’Ucraina, sostenendo che le colpe dell’incidente siano da attribuire alla Russia, tuttavia non si comprende come i paesi europei non arrivino a capire che un conflitto in Europa fra Ucraina e Russia sarebbe assolutamente negativo per gli interessi dell’Europa e consentirebbe a Washington di esigere dall’Europa di interrompere ogni rapporto commerciale con la Russia, incluso la collaborazione energetica sul gasdotto Nord Stream 2 che gli USA vedono come il fumo negli occhi.
    https://www.controinformazione.info/situazione-nel-mar-nero-washington-ha-permesso-a-poroshenko-di-lanciare-la-sua-provocazione/

    "Mi piace"

  3. L’Ucraina dell’Ovest fu annessa alla Russia solo durante l’era di Stalin. Per secoli era stata sotto il controllo culturale, religioso e/o politico dell’Impero Austro-Ungarico e della Polonia. Odiando l’occupazione sovietica, i nazionalisti dell’Ucraina dell’Ovest vedevano Stalin come un cattivo molto peggiore di Hitler, al punto che l’Organizzazione degli Ucraini Nazionalisti si allineò con i nazisti e, guidati dal loro leader estremista Stepan Bandera, si spinse fino a liberare la loro terra da altri gruppi etnici, compresi Polacchi ed Ebrei.
    http://vocidallestero.it/2018/11/28/forbes-tutto-quello-che-sapete-sullucraina-e-sbagliato/

    "Mi piace"

  4. Finalmente la Russia sembra aver capito la reale natura di Washington e del gruppo di potere dei neocon che dirige la politica USA e ne decide le azioni. Sembra ormai chiaro che questi vogliono lo scontro con la Russia e magari il suo lento logoramento in conflitti regionali. Soltanto la regola della forza può far capire alla dirigenza di Washington che le conseguenze della politica bellicistica possono andare oltre i loro obiettivi e diventare un boomerang per l’America. Il messaggio bisogna farlo arrivare ai responsabili del mastodontico apparato militare/industriale USA che necessita di nuove guerre per alimentarsi.

    I colpi sparati dalle navi dalle navi del FSB russo contro le imbarcazioni ucraine hanno un significato anche simbolico e dimostrano che si è rotto l’incantesimo del dialogo e della diplomazia, l’orso russo è uscito dal letargo e torna a far sentire il suo ruggito.
    L’Occidente non può più pensare di calpestare gli interessi della Russia e rimanere impunito. Fine dei giochi.
    https://www.controinformazione.info/la-russia-non-scherza-piu-con-loccidente-si-prepara-alla-guerra/

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: