8 dicembre

L’8 dicembre 1991 a Viskuly, nella foresta di Belovezh, ci fu un evento che non ha analogie nella storia del mondo. Il Presidente della RSFSR B. Eltsin, il Presidente dell’Ucraina L. Kravchuk e il Presidente del Consiglio Supremo della Bielorussia S. Shushkevich firmarono un accordo sullo scioglimento dell’Unione Sovietica e l’istituzione di una cosiddetta Unione degli Stati Indipendenti, ricorda nel suo articolo sul giornale “Russia sovietica”, il Primo Vicecapo della fazione del Partito Comunista alla Duma di Stato Nikolaj Kolomejtsev.
I tre cospiratori, traditori, divisero il territorio di un vasto Paese a modo loro. Svegliato dal telefono, il presidente degli Stati Uniti George Bush Sr., ascoltando il rapporto di Eltsin, non riusciva nemmeno a capire chi lo chiamasse da una oscara foresta in Bielorussia. La tanto attesa notizia arrivò in occidente: “L’URSS, soggetto di diritto internazionale e realtà geopolitica, cessava di esistere”. Eltsin, che volò per due volte sopra la Statua della Libertà a New York, era accompagnato da Kozyrev, Burbulis, Chakhrai, Gajdar, Iljushin, figure mediocri che occupavano posizioni insignificanti sotto il governo sovietico. I cospiratori agirono in fretta, temendo giustamente la severa punizione. Non appena fu scritto il testo dell’accordo tripartito, il dattilografo locale digitò il testo su una normale macchina da scrivere. I firmatari, ubriachi di gioia perché tutto era infine riuscito, alzarono il bicchiere, i redattori di tale foglio di carta erano orgogliosi del loro lavoro. Il Presidente del KGB della Bielorussia, che lanciò l’allarme, nonostante i suoi disperati tentativi non poté persuadere il Centro, che era in stato d’inazione criminale, ad intervenire sugli eventi. Li sbarco di paracadutisti sarebbe bastato a decapitare il complotto. Ancora cercano di convincerci che il collasso dell’URSS fosse inevitabile. No, signori, il Paese fu distrutto da coloro a cui il potere sovietico andava di traverso. Funzionari della CIA in seguito affermarono che i traditori erano stati reclutati per l’operazione. Il personale di Eltsin occupa ancora posizioni di governo responsabili. Forse tra loro ci sono coloro che gli statunitensi designarono a questo.

http://aurorasito.altervista.org/?p=4021

Autore: redattorecapo

associazione culturale Araba Fenice fondata a Bondeno (FE)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: