Venezuela

Russian TU 160

Da notare che un efficace sistema di difesa aerea era già schierato sul terreno al momento dello sbarco di bombardieri e aerei caccia di scorta , le navi da guerra della classe dei cacciatorpediniere navale della Federazione Russa si erano già trasferite nelle basi navali venezuelane ed erano in connessione di potenziali sottomarini polivalenti nucleari dispiegati nei mari adiacenti dell’America latina. Infine, a tutti gli aerei sarebbe stata fornita una risorsa per almeno 10 sortite .

In questo caso, non si tratta affatto di minacciare gli Stati Uniti dal territorio del Venezuela con la guerra, che nelle condizioni moderne non è assolutamente necessaria né a Mosca né a Washington. In tal caso, ha senso solo parlare della dimostrazione delle capacità militari dello stato russo.
Inoltre, non stiamo parlando di figure esorbitanti di combattimento e forza numerica, ma diciamo così – il minimo necessario.

Ad esempio, quando gli Stati Uniti svolgono esercitazioni congiuntamente con le Forze armate della Repubblica del sud Corea – e questo avviene direttamente ai confini della Federazione russa nell’Estremo Oriente – molte più forze soni coinvolte in queste attività. E questo a Washington non è visto come una minaccia alla pace e alla democrazia.

Tuttavia, ci sono solo 16 aerei Tu-160 nella composizione delle forze aerospaziali (Tu-160M ​​- 6, Tu-160 – 10). Entro il 2020, si prevede di avere altre 10 unità di Tu-160M. Nel periodo storicamente prevedibile, è previsto l’acquisto di almeno 50 Tu-160M2. Tuttavia, quando ciò si verificherà non è ancora chiaro.

C’è un’altra importante circostanza: per le azioni di successo dell’aviazione a lungo raggio, un certo numero di aerei cisterna è paragonabile a quello dei bombardieri (e ancora meglio, sarebbero due volte più grandi secondo la proporzione americana). Sono necessarie più navi cisterna per effettuare voli attraverso l’oceano della divisione di velivoli polivalenti Su-30SM. Tuttavia, oggi non ci sono molti aerei cisterna nella struttura di combattimento del VKS: IL-78M-12, IL-78 – 7. Entro il 2025, si prevede di acquistare IL-78M-90A promettente nella quantità di 14 unità.
(………………………..)

Perché il Venezuela è il paese ideale in termini di geopolitica
Il Venezuela in questo senso è un paese ideale come destinazione operativa. La Repubblica del Venezuela ha accesso all’oceano e, per via aerea, a Caracas non è necessario attraversare i confini di nessuno stato ostile alla Russia.

*Mikhail Khodarenok – Gazety.Ru commentatore militare.
Biografia dell’autore:

Mikhail Mikhailovich Hodarenok – colonnello in pensione.
Si è laureato presso la Scuola missilistica antiaerea di ingegneria di Minsk (1976),
Accademia militare di difesa aerea (1986).
Il comandante del battaglione missilistico antiaereo C-75 (1980-1983).
Vice comandante di un reggimento missilistico antiaereo (1986-1988).
Alto ufficiale dello stato maggiore delle forze di difesa aerea (1988-1992).
Ufficiale della Direzione operativa principale dello Stato maggiore (1992-2000).
Diplomato all’Accademia militare dello Stato maggiore delle forze armate della Russia (1998).
Editorialista ” Nezavisimaya Gazeta ” (2000-2003), capo redattore del “complesso militare-industriale Courier” (2010-2015).

Nota: Washington manifesta un certo nervosismo nell’assistere all’atterraggio di una squadra aerea di bombardieri strategici in terra venezuelana, nell’area dei Caraibi, che gli USA hanno sempre considerato il proprio “cortile di casa”.
Nonostante si tratti soltanto di una presenza simbolica, questa rappresenta una prova delle capacità operative e logistiche dell’aviazione strategica russa che è in grado di operare sotto costa della Florida.
Assieme alle intenzioni di Mosca di ricostituire una base militare a Cuba, legata ad un vecchio rapporto di amicizia con la Russia, Washington vede la presenza militare russa in Venezuela ed a Cuba  come una concreta minaccia della Russia contro la propria sicurezza.
Il doppio standard degli Stati Uniti è quello per cui le forze USA e della NATO possono creare basi militari e missilistiche, come anche effettuare massicce esercitazioni militari sotto i confini della Federazione Russa, senza che questo rappresenti un problema, mentre al contrario, se i russi fanno altrettanto nell’area vicina agli Stati Uniti, questa diventa una minaccia inaccettabile.
L’Impero americano, lo stesso che ha invaso decine di  paesi sovrani e creato oltre 800 basi militari in tutti i continenti, non può non tollerare presenze militari di altri vicino ai suoi confini.

Fonte: Gazety.ru

Traduzione e nota: Sergei Leonov

https://www.controinformazione.info/proiezione-del-potere-militare-russo-una-squadra-di-bombardieri-tu-160-atterra-in-venezuela/

Autore: redattorecapo

associazione culturale Araba Fenice fondata a Bondeno (FE)

2 pensieri riguardo “Venezuela”

  1. Maduro oggi sta combattendo la stessa battaglia di Chávez, avendo a che fare con tradimenti politici e militari, nonché con scontri fomentati dal paese dalle forze di opposizione che rispondono a quegli stessi poteri che hanno creato le attuali condizioni di povertà, grazie a sanzioni che non permettono l’ingresso neanche dei generi alimentari più elementari, compresi farmaci e beni di prima necessità.
    Il giuramento del burattino di Washington, dunque, non è affatto una buona notizia per i venezuelani: purtroppo il popolo fatica a capire il dietro le quinte del potere, e reagisce solo istintivamente.
    Personalmente, mi auguro che la sovranità di questo paese venga nuovamente ripristinata come in passato, visto che la finanza e le multinazionali sono solo fonte di sciagure, povertà di massa e ricchezza per pochi, anzi pochissimi.

    Fonte: confessioni di un sicario dell’economia di John Perkins.

    "Mi piace"

  2. Davanti a tale nefasta situazione la Forza Armata Bolivariana del Venezuela manifesta davanti al popolo venezolano e al mondo intero i seguenti punti: ratifichiamo il nostro appoggio alla costituzione ed alle leggi nazionali e di conseguenza respingiamo categoricamente le azioni illegali con cui si persegue di installare un governo parallelo nel nostro paese così come alcuni settori, ignorando i valori di principio, cercano di formulare. respingiamo le azioni di ingerenza di governi stranieri che non rispettano il diritto internazionale , i principi di non ingerenza e di rispetto dell’autodeterminazione del popolo, essendo questi offensivi rispetto alla dignità dei venezolani. Garantiremo in ogni momento la pace ed il corretto funzionamento dello Stato e non andiamo a tollerare atti vandalici o terroristi da parte di gruppi che perseguono la violenza come loro strategia di portare caos e destabilizzazione.
    https://www.controinformazione.info/i-militari-del-venezuela-si-pronunciano-a-difesa-del-paese-dalle-interferenze-straniere/

    "Mi piace"

Rispondi a redattorecapo Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: