La legge dell’impero

Non mancava anche, in quell’ordine presidenziale il riferimento alle cose materiali, quali le proprietà e i beni delle persone incriminate o incriminabili in base ai criteri americani. In pratica il Dipartimento alla Giustizia degli USA si attribuiva il diritto di “sequestrare le proprietà e tutti gl’interessi connessi con la proprietà” di tutte una serie di persone indicate nell’atto. Tra queste vi sono “tutti gli stranieri che sono stati individuati come colpevoli di una lunga serie di reati di corruzione (ovvero di complicità in reati di corruzione e di violazione dei diritti umani”. Si noti che il testo indica proprio “tutte le persone…”.
Finivo la mia analisi con una considerazione che, all’inizio del 2018, poteva apparire peregrina, ma dopo il primo dicembre 2018 appare di assoluta attualità. Dicevo che tutta questa “messa in scena” aveva l’aria di un “mettere le mani avanti”, predisponendo una qualche veste giuridica per una possibile “operazione di ricatto” o di intimidazione nei confronti di qualche “suddito” straniero sospetto di coltivare “ambizioni di ribellione, o anche soltanto di moderato dissenso”.
Adesso appare chiaro che il Presidential Act  del 21 dicembre 2017 è funzionale anche  per colpire i potenziali concorrenti economici, o per influire sulle politiche interne di altri paesi, selezionando i colpevoli in base agli interessi economici e politici degli Stati Uniti. E magari per esercitare potenti intimidazioni su un vassallo statale riottoso.
Il primo dicembre l’arresto, in Canada, di Meng Wanzhou, direttrice finanziaria di Huawei e figlia del proprietario della possente corporation cinese RenZheng, con l’accusa di “violazione delle sanzioni americane contro l’Iran”, dimostra che le mie preoccupazioni di un anno fa erano pienamente giustificate. La stessa cosa può accadere ora a qualunque banchiere, imprenditore, businessman europeo, e ovviamente a qualunque oligarca russo, ovvero a qualunque esponente politico, a qualunque diplomatico, professore, giornalista, scienziato e ricercatore di ogni parte del mondo. Da oggi nessuno è più libero rispetto alla legge dell’Impero.

Giulietto Chiesa

https://www.ariannaeditrice.it/articolo.php?id_articolo=61356

 

Autore: redattorecapo

associazione culturale Araba Fenice fondata a Bondeno (FE)

2 pensieri riguardo “La legge dell’impero”

  1. Per chi potesse modificare in qualsiasi momento a proprio arbitrio la legge, di fatto, non vi sarebbe legge, perché non ci sarebbe nulla a cui si dovrebbe adeguare, adeguando piuttosto ogni cosa al suo arbitrio. Per chi è al di sopra la legge, non vi è legge. Questo regime di cose, a cui è soggetta una comunità, è detto tirannico o dispotico. Così Locke, nel suo Secondo trattato sul governo (1690)

    "Mi piace"

  2. La questione delle sanzioni statunitensi contro l’Iran è irrilevante e non ha alcun fondamento nel diritto internazionale. Sono semplicemente gli statunitensi che applicano le loro discutibili leggi nazionali a terzi. Black sostiene che il Canada non ha quindi alcun obbligo d’imporle sul suo territorio, specialmente considerando che Ottawa e Pechino hanno relazioni diplomatiche. In ogni caso, la vera questione è che gli statunitensi usano meccanismi legali per intimidire e colpire i rivali commerciali.
    http://aurorasito.altervista.org/?p=4176

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: