Prove tecniche

“Testare gli Iskanders in condizioni il più vicino possibile ai combattenti sono fatti concreti. La Russia sta perfezionando l’arma collaudata sul posto dopo l’uso in combattimento e le carenze individuate vengono prontamente eliminate. L”Iskander” è considerato una delle armi russe più pericolose, così tanto l’attenzione degli esperti militari occidentali è rivolta ai fatti del loro uso. Inoltre, vi è un’ipotesi consolidata che l’Iskander sia la base del sistema missilistico di Dagger ipersonico, ha aggiunto Evgeny Valyaev.

Secondo l’esperto, un altro aspetto importante della presenza di Iskander in Siria è il consolidamento della superiorità militare russa nella regione, il consolidamento della vittoria della Russia nella campagna siriana e l’approvazione della Damasco ufficiale come unico governo sovrano dell’intero territorio della Siria. In questi passaggi è scontato il fatto che il presidente degli Stati Uniti è Donald Trump , il quale comprende il linguaggio di passi e azioni concrete .

“Una cosa è minacciare di consegnare Iskander in Siria, e un’altra cosa è mettere in pratica il loro uso. La seconda azione è molto più efficace per comunicare con Washington oggi. La moderna difesa missilistica russa e i sistemi di difesa aerea nella regione hanno un carattere restrittivo, disincentivando le parti dal commettere passi drastici e male considerati “, ha concluso Evgeny Valyaev.

Fonte: Riafan.ru

Traduzione: Sergei Leonov

https://www.controinformazione.info/la-siria-e-il-segnale-per-trump-perche-la-russia-ha-usato-i-missili-iskander-contro-i-miliziani/

Autore: redattorecapo

associazione culturale Araba Fenice fondata a Bondeno (FE)

3 pensieri riguardo “Prove tecniche”

  1. L’oblast’ di Kaliningrad comprende all’incirca il terzo settentrionale dell’antica regione storica tedesca della Prussia orientale (escluso il territorio di Memel, passato alla RSS Lituana nel 1945).

    Quando nel corso della propria offensiva verso Berlino alla fine della seconda guerra mondiale cominciò a occupare la Prussia orientale, l’Armata Rossa trovò un territorio quasi completamente spopolato a causa della fuga della popolazione autoctona tedesca, che temeva rappresaglie ed episodi di pulizia etnica da parte dell’Armata Rossa. La regione, precedentemente abitata da tedeschi per la quasi totalità e con piccole minoranze lituane, in pochi giorni si era letteralmente svuotata.
    (Questo interessante territorio è tuttora russo ed è stato dotato di recente dei missili sopramenzionati)

    "Mi piace"

  2. A differenza dei più moderni sistemi come l’S-400, che possono colpire aerei a meno di 5 metri da terra, l’S-300P non può colpire bersagli a bassa quota a lungo raggio, compito del gruppo d’attacco composto da elicotteri Ka-52. La resistenza all’inganno dell’S-300P lascia molto a desiderare, e una unità di Ka-52 può probabilmente eludere il rilevamento fin quando non lancia l’attacco e torna in Russia. Mentre tale tattica sarebbe estremamente rischiosa se l’Aeronautica ucraina conservasse la possibilità d’attacco nello spazio aereo del Paese, la piccola flotta di caccia del Paese ha subito un altissimo rateo d’incidenti nelle ultime settimane ed è priva di munizioni a lungo raggio moderne che permettano di minacciare gli elicotteri. Di conseguenza, una strategia così radicale sarebbe fattibile e verrebbe vista come forma ridotta d’escalation all’impiego di velivoli ad ala fissa o mezzi navali.

    Traduzione di Alessandro Lattanzio
    http://aurorasito.altervista.org/?p=4187

    "Mi piace"

  3. Nello specifico, gli Stati Uniti hanno utilizzato gli aerei da sorveglianza marittima P-8A Poseidon e RQ-4 Global Hawk UAS (Unmanned Aerial System) dalla Naval Air Station Sigonella (Sicilia, Italia) oltre a un rivetto RC-135 e EP-3E ARIES II aereo da ricognizione elettronico da Souda Bay (Creta, Grecia).

    In precedenza, è stato riferito che la Russia ha inviato un aereo da attacco Su-25 e un elicottero da combattimento Ka-52 al ponte di Crimea, in seguito all’incidente. La presenza di altri aerei nell’area era sconosciuta. Gli aerei da ricognizione statunitensi operano regolarmente sul Mar Nero e sono spesso intercettati da aerei russi. Tuttavia, a partire da novembre 26 ° in poi la US Air Force ha mantenuto una presenza significativa nella regione del Mar Nero e la Crimea.
    https://www.controinformazione.info/aviogetti-mig-31-armati-con-missili-ipersonici-kinzhal-hanno-effettuato-89-voli-di-pattuglie-sul-mar-nero-e-caspio/

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: