Il grande gioco

Non è un caso che il crollo dell’Unione Sovietica e la formazione dell’Unione europea si susseguissero l’uno dopo l’altro: l’Europa aveva la possibilità di ripristinare la propria sovranità. Ma è solo una possibilità, perché il progetto Unione Europea stesso era più atlantico, globalista, cioè progettato per infondere il vecchio vino nelle “nuove pellicce” – per consentire alle élite europee, educate nello spirito di sottomissione, di giocare nell’unità europea. In parole povere, gli anglosassoni dovevano assicurarsi che l’UE fosse subordinata alla NATO e rimanesse così sull’intero percorso dell’integrazione europea.

Naturalmente, all’interno delle élite europee, per non parlare degli stessi popoli, c’erano molti sostenitori di una integrazione europea completamente diversa – una che avrebbe permesso loro di eliminare l’oppressione dell’atlantismo. E proprio per rendere possibile un tale percorso, l’Europa aveva bisogno di costruire le relazioni più favorevoli con la Russia. Non solo con lei, ma soprattutto con lei. Senza i normali legami con la Russia, e ancor più in un conflitto con la Russia, il progetto di un’Europa indipendente e indipendente non ha una sola possibilità di concretizzarsi.

È per questo che gli atlantisti fanno tutto per separare l’Europa e la Russia, li spingono insieme e litigano. E in primo luogo, naturalmente, impedire le relazioni della Russia con la Germania. La storia di Volkswagen in questo senso è molto rivelatrice. I tedeschi stanno mantenendo, adattandosi alle circostanze, cercando di non essere sostituiti dalle sanzioni americane e di mantenere e persino sviluppare legami con la Russia.

Per ora funziona. Ma dire per sempre “aspettiamo la revoca delle sanzioni” non funzionerà comunque. Prima o poi, la Germania ( e altri paesi europei) dovranno decidere una rivolta contro le sanzioni, se, ovviamente, si vuole creare un’Unione europea veramente indipendente.

Pyotr Akopov, VISTA

Traduzione: Sergei Leonov

https://www.controinformazione.info/gli-usa-bloccano-i-progetti-della-germania-di-cooperazione-con-la-russia/

Autore: redattorecapo

associazione culturale Araba Fenice fondata a Bondeno (FE)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: