Intervista a Dugin

Certamente. Sono stato in Cina, dove ho strette relazioni con i circoli intellettuali e registro la loro convinzione di un nuovo ordine multipolare. L’Occidente deve rendersi conto di non essere l’unico maestro, l’egemonia unipolare della globalizzazione è una forma di colonialismo ideologico, economico, artistico, che s’avvia alla fine. Il capitalismo cinese è un modello cui partecipano popolo, cultura e Stato: tre livelli strutturali. Non è il capitalismo occidentale sfrenato che atomizza aziende e società. Si tratta di un modello più confuciano che maoista”.

L’espansione cinese non deve preoccupare?
“La Cina non concepisce il suo come modello universale, ma è chiaro che lo difenda. L’alleanza russo-cinese cerca altre vie nella storia dopo la fine dell’egemonia unipolare”.

Come potrebbe concorrere un governo come quello italiano, segnato da tensioni e differenze interne, a queste complesse innovazioni geopolitiche?
“Tutti i governi italiani degli ultimi anni sono stati problematici. Non è una novità. Ma questo di Lega e M5S è il primo passo verso un populismo integrale, il segno di un grande cambiamento che lo mette all’avanguardia d’Europa. Le differenze interne sono un segno persino positivo. Per me questo governo è un simbolo che si può andare oltre destra e sinistra e che la volontà del popolo vince sui globalisti. Più dura, a dispetto di quanti ne decretano la fine imminente da quando è nato, più sono contento”.

Ma le elezioni europee hanno decisamente premiato la Lega a spese del Movimento 5 Stelle

“Il risultato indica che la maggioranza dei populisti ritiene la difesa dell’identità, rimarcata da Salvini, l’elemento più importante. Ora Di Maio ha compreso e correggerà la sua politica. Credo che il risultato assimilerà ulteriormente i Cinque Stelle al populismo integrale”.

Putin ha formulato un giudizio entusiasta sui risultati elettorali. La convinzione che non ne abbia avuto alcuna parte ha suscitato dubbi.

“Complottismi. Solo complottismi. E’ una lotta tutta interna all’Europa occidentale tra élites ultraliberaliste e sovranisti. La Russia non ha ordito trame qui ne’ negli Usa a favore di Trump. Ma assiste compiaciuta al risveglio dei popoli…”.

Anti globalisti in azione

A luglio Putin tornerà dal Papa, che non è certo in sintonia con Salvini su un tema prioritario come quello dei migranti.

“La posizione della Chiesa cattolica è interessante per Mosca. Papa Francesco è antiglobalista e anticapitalista. La strategia, calata in Italia, assume però le forme di un appoggio incondizionato all’Islam e all’immigrazione, tralasciando gli aspetti negativi che ne derivano. Putin è alleato di Salvini e appoggia la difesa dell’identità italiana, ma al contempo condivide la posizione del Papa contro il capitalismo finanziario. Si tratta in ogni caso di un motivo in più per guardare a Roma: oggi l’Europa non è a Parigi né a Berlino. Oggi si chiama Roma. La modernità globalista comincia a morire qui”.

E al suo posto?

“Il recupero di una coscienza critica e di valori tradizionali. Oggi i veri postmoderni sono gli autori tradizionalisti, che hanno diagnosticato i fallimenti della modernità dogmatica e totalitarista”.

Sorprende che un intellettuale come Noam Chomsky abbia espresso segnali d’interesse per il suo pensiero.

“Ho molti rapporti con la sinistra antiliberale ed è totalmente falso che io sia un rappresentante dell’estrema destra. Chiunque critichi il globalismo è mio alleato naturale. Da Chomsky a Cacciari. Non so se sia vero il contrario, ma io sono amico loro. Gli ultraliberalisti più sentono vicino il tramonto più diffamano: me, Bannon, Trump. Anche grazie al controllo dei mass media. Il sorriso con cui denigrano chi non pensa come loro è razzismo gnoseologico, che a differenza del razzismo biologico non è stato sconfitto. Considerano sottosviluppato uno che crede in qualche dio o legge libri di un altro scaffale. Il primo sono io“.

Francesco Palmieri e pubblicata sul sito dell’Agenzia Giornalistica Italia.

https://www.controinformazione.info/da-roma-e-cominciata-la-morte-del-globalismo-la-profezia-di-dugin/

Autore: redattorecapo

associazione culturale Araba Fenice fondata a Bondeno (FE)

1 commento su “Intervista a Dugin”

  1. Le associazioni Città Plurale, Vento dello Stretto e Morgana che hanno organizzato l’incontro ribadiscono che nonostante la revoca dell’uso dei locali dell’università l’appuntamento con Dugin si terrà presso la sulla sala convegni dell’hotel Royal. La ricerca affannosa del sistema liberale tramite i suoi seguaci di epurare ogni forma di totalitarismo diviene essa stessa totalitarismo, Gustave le Bon considerato il fondatore della psicologia delle masse scrisse: “Il vero manipolatore comincia col sedurre, e colui che è sedotto, (..) non ha più che un’opinione, quella del seduttore, e una volontà, la sua”.
    https://www.controinformazione.info/i-valori-delloccidente/

    "Mi piace"

Rispondi a redattorecapo Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: