Il piano del secolo

La Dichiarazione Balfour, che provocò a suo tempo (1917) un significativo sconvolgimento nella vita dei palestinesi, fu emessa il 2 novembre 1917 (fra Lord Balfour e lord Rothshild . È considerata uno dei documenti più controversi e contestati nella storia moderna del mondo arabo.

La dichiarazione di Balfour fu quella che ebbe l’effetto di realizzare l’obiettivo sionista di stabilire uno stato ebraico in Palestina in una realtà, quando la Gran Bretagna si impegnò allora pubblicamente a stabilire “una casa nazionale per il popolo ebraico”.

La dichiarazione ha osservato che “[l’America] tratta il popolo palestinese come se fosse un gruppo di popolazione che è stato trovato per caso in questo posto che è stato concesso da Trump agli israeliani”.

“L’amministrazione Trump sta riproducendo il conflitto israelo-palestinese usando nuovi modelli e non cerca di risolverlo in alcun modo. Il problema di questo tipo di visione è la sua natura teorica e la sua completa alienazione dalla realtà “, ha concluso.

Il piano da 50 miliardi di dollari denominato “accordo del secolo” o “pace alla prosperità”, che sarà presentato dal genero e consigliere di Trump, Jared Kushner, in un seminario guidato dagli Stati Uniti in Bahrain dal 25 al 26 giugno, prevede un fondo di investimento globale che presumibilmente dovrebbe sviluppare le economie palestinesi e limitrofe dello stato arabo.

La Casa Bianca svela una parte del suo cosiddetto piano di pace per il Medio Oriente mentre l’amministrazione Trump cerca di conquistare la sua strada far approvare il “Deal of Century”.
Secondo Kushner, il piano decennale “creerebbe un milione di posti di lavoro in Cisgiordania e Gaza”.

Kushner con i sauditi i parocinatori del piano per la Palestina

“Ci vorrebbe per ridurre il loro tasso di disoccupazione da circa il 30 per cento alle singole cifre”, ha detto. “Ridurrebbe il loro tasso di povertà della metà, se implementato correttamente.”

Hanan Ashrawi, membro del comitato esecutivo dell’Organizzazione per la liberazione della Palestina (OLP), ha condannato fermamente il piano di Kushner. La Palestina non è in vendita e tanto meno i nostri diritti.

Innanzitutto, bisogna revocare l’assedio di Gaza, interrompere il furto israeliano della nostra terra, delle risorse e fondi, devono ridarci la nostra libertà di movimento e controllo sui nostri confini, spazio aereo, acque territoriali ecc.”, Ha detto in un post sulla sua pagina Twitter.

Ashrawi ha aggiunto: “Allora potremo costruire un’economia prospera e vivace come un popolo libero e sovrano”.

Anche Ismail Rudwan, portavoce del movimento di resistenza di Hamas con sede a Gaza, ha respinto le proposte di Kushner.

“Rifiutiamo l”affare del secolo’ e tutte le sue dimensioni, la dimensione economica, la politica e la sicurezza”, ha detto Rudwan all’agenzia di stampa Reuters.

“La questione del nostro popolo palestinese è un problema nazionalistico, è la questione di un popolo che cerca di essere libero dall’occupazione: la Palestina non è in vendita, e non è un problema per la contrattazione. La Palestina è una terra sacra e non c’è possibilità per l’occupazione, se non partire “, ha sottolineato.

Fonte: Press Tv

Traduzione: Luciano Lago

https://www.controinformazione.info/il-piano-economico-di-kushner-per-il-medio-oriente-equivale-alla-dichiarazione-di-balfour-ii-dicono-i-palestinesi/

Autore: redattorecapo

associazione culturale Araba Fenice fondata a Bondeno (FE)

1 commento su “Il piano del secolo”

  1. C’erano 9 milioni di amerindi nel Nord America nel 1800. Un secolo dopo, erano 300.000. Come disse Alexis de Tocqueville “La Democrazia in America” è arrivata con le sue coperte avvelenate e le mitragliatrici Gatling. I selvaggi piumati del Nuovo Mondo prefiguravano i bambini iracheni nel ruolo di questa umanità in soprannumero di cui si sarebbero liberati, senza rimorsi, se le circostanze lo avessero richiesto. Così, da un secolo all’altro, gli Americani hanno trasposto il loro modello endogeno su scala mondiale. Nel 1946, il teorico e apostolo della Guerra Fredda del contenimento anticomunista George Kennan, scrisse ai dirigenti del suo Paese che il loro compito secolare sarebbe stato quello di perpetuare l’enorme privilegio concesso dalle fortune della storia negli Stati Uniti d’America: possedere il 50% della ricchezza per solo il 6% della popolazione mondiale. Le altre nazioni saranno gelose, vorranno una fetta più grande della torta e bisognerà impedire che ciò accada. In breve, la “nazione eccezionale” non intende condividere i benefici.
    Da Democrazia genocida, di Bruno Guigue.

    "Mi piace"

Rispondi a redattorecapo Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: