Da dove viene il denaro?

Denaro come debito

Se guardi una banconota da 20 sterline, vedrai che dice: “Prometto di pagare al portatore su richiesta la somma di venti sterline”. Questa è una promessa originariamente fatta dalla Banca d’Inghilterra per lo scambio di banconote per la moneta sovrana. Il biglietto era una nuova forma di denaro. A differenza dei soldi sovrani, non era una dichiarazione di valore, ma una promessa di valore. Una moneta, anche se fatta di metallo base, era intercambiabile a sé stante: non rappresentava un’altra forma di denaro superiore. Ma quando sono state inventate le banconote, l’hanno fatto.

La nuova invenzione delle promissory notes nacque attraverso i bisogni del commercio nei secoli XVI e XVII. Le note erano utilizzate per riconoscere la ricezione di prestiti o investimenti e l’obbligo di pagarli attraverso i frutti delle transazioni future. Uno dei compiti principali della professione bancaria emergente era di stabilire periodicamente tutte queste promesse e vedere chi doveva chi. Questo processo di “compensazione” significava che un gran numero di impegni su carta venivano ridotti a un trasferimento di denaro relativamente meno reale. L’accordo finale è stato effettuato mediante pagamento con denaro sovrano (monete) o un’altra cambiale (biglietto).

Alla fine, le fatture divennero così fiduciose da essere trattate come denaro a sé stante. In Gran Bretagna divennero equivalenti al conio, in particolare quando furono uniti sotto la bandiera della Banca d’Inghilterra. Oggi, se prendi un biglietto per la Bank of England, devi semplicemente scambiare la tua nota con una che è esattamente la stessa. Le banconote non sono più promesse, sono la valuta. Non ci sono altri soldi “reali” dietro di loro.

Ciò che il denaro moderno conserva è la sua associazione con il debito. A differenza del denaro sovrano, che è stato creato e speso direttamente in circolazione, il denaro moderno viene in gran parte ripreso attraverso il sistema bancario. Questo processo si nasconde dietro un altro mito, che le banche agiscono semplicemente come un collegamento tra risparmiatori e mutuatari. In effetti, le banche creano denaro. Ed è solo nell’ultimo decennio che questo potente mito è stato finalmente eliminato dalle autorità bancarie e monetarie.

Ora, le autorità monetarie come il FMI, la Federal Reserve degli Stati Uniti e la Bank of England riconoscono che le banche stanno creando nuovi fondi quando fanno prestiti. Non prestano il denaro di altri titolari di conti a coloro che desiderano prendere in prestito.

I prestiti bancari consistono in denaro estratto dal nulla, per il quale il nuovo denaro è accreditato sul conto dei debitori con l’accordo che l’importo sarà pagato con gli interessi.

Le implicazioni politiche della valuta pubblica create dal nulla e prestate ai mutuatari su base puramente commerciale non sono state ancora prese in considerazione. Né deve basare una valuta pubblica sul debito in opposizione al potere sovrano per creare e distribuire denaro senza debiti direttamente.

Il risultato è che, invece di usare il proprio potere sovrano sulla creazione di denaro, come ha fatto Alessandro Magno, gli stati sono diventati mutuatari nel settore privato. Dove ci sono deficit nella spesa pubblica o la necessità di spese future su larga scala, vi è l’aspettativa che lo stato prende in prestito denaro o aumenta le tasse, piuttosto che creare il denaro stesso.

Dilemmi del debito

Ma basare una massa monetaria sul debito è problematico dal punto di vista ecologico, sociale ed economico.

Ecologicamente, c’è un problema perché la necessità di estinguere il debito potrebbe generare una crescita potenzialmente dannosa: la creazione di moneta basata sul pagamento del debito con interessi dovrebbe comportare una crescita costante dell’offerta di moneta. Se questo risultato sarà raggiunto attraverso l’aumento della capacità produttiva, inevitabilmente vi sarà una pressione sulle risorse naturali.

Basare la massa monetaria sul debito è anche socialmente discriminatorio perché non tutti i cittadini sono in grado di prendere a prestito. Lo schema dell’offerta di moneta tenderà a favorire quelli che sono già ricchi o quelli che assumono rischi più speculativi. Gli ultimi decenni, ad esempio, hanno visto un gran numero di prestiti da parte del settore finanziario per migliorare i loro investimenti.

Il problema economico è che l’offerta di moneta dipende dalla capacità dei vari elementi dell’economia (pubblica e privata) di contrarre più debiti. E così, poiché i paesi sono diventati più dipendenti dal denaro creato dalla banca, le bolle del debito e le crisi creditizie sono diventate più frequenti.

Questo perché l’economia della borsa crea un compito impossibile per il settore privato. Devi creare tutti i nuovi soldi attraverso il debito emesso dalla banca e pagare tutto con interessi. Deve finanziare completamente il settore pubblico e generare un vantaggio per gli investitori.

Ma quando l’offerta di denaro gestita da una banca privatizzata vacilla, i poteri statali per il denaro hanno di nuovo una chiara focalizzazione. Ciò è stato particolarmente evidente nella crisi del 2007-8, quando le banche centrali hanno creato nuovi capitali nel processo noto come allentamento quantitativo. Le banche centrali hanno utilizzato il potere sovrano per creare denaro senza debiti da spendere direttamente sull’economia (ad esempio, acquistando debito pubblico esistente e altre attività finanziarie).

Federal Reserve USA

Quindi, la domanda è: se lo stato rappresentato dalla banca centrale può creare denaro dal nulla per salvare le banche, perché non può creare denaro per salvare le persone?

Soldi per le persone

I miti sul denaro ci hanno portato a considerare la spesa pubblica e le tasse sottosopra. Le tasse e le spese, come i prestiti bancari e il rimborso, sono in un flusso costante. L’economia delle borse presuppone che sia la tassazione (del settore privato) a raccogliere fondi per finanziare il settore pubblico. Quella tassa preleva denaro dalla tasca del contribuente.

Ma la lunga storia politica del potere sovrano sul denaro indicherebbe che il flusso di denaro potrebbe essere nella direzione opposta. Allo stesso modo in cui le banche possono evocare denaro dal nulla per concedere prestiti, gli stati possono evocare denaro dal nulla per finanziare la spesa pubblica. Le banche creano denaro creando conti bancari, gli stati creano denaro allocando budget.

Quando i governi stabiliscono i budget, non vedono quanti soldi hanno in una banca delle imposte preesistente. Il budget assegna gli impegni di spesa che possono, o meno, uguagliare l’ammontare di denaro che inserisci attraverso le tasse. Attraverso i suoi conti nel tesoro e nella banca centrale, lo stato spende e riceve costantemente denaro. Se spendi più denaro di quello che ricevi, lascia più denaro nelle tasche della gente. Ciò crea un deficit di bilancio e ciò che è effettivamente uno scoperto presso la banca centrale.

È un problema? Sì, se lo stato è trattato come se fosse un qualsiasi altro titolare di conto bancario, la famiglia dipende dall’economia del portafoglio. No, se è visto come una fonte di denaro indipendente. Gli stati non devono aspettare gli opuscoli dal settore commerciale. Gli stati sono l’autorità dietro il sistema monetario. Il potere esercitato dalle banche per creare la moneta pubblica dal nulla è un potere sovrano.

Non è più necessario coniare monete come Alexander, il denaro può essere creato con le sequenze di tasti. Non c’è motivo per il settore bancario di monopolizzare questo per creare nuovi soldi pubblici come debito. Considerare che la spesa pubblica equivale al debito bancario nega al pubblico, al popolo sovrano di una democrazia, il diritto di accedere al proprio denaro privo di debito.

Fonte: Strategic Culture

Traduzione : Alejandro Sanchez

estratto da https://www.controinformazione.info/il-neoliberismo-ci-ha-ingannato-creando-una-fiaba-su-dove-viene-il-denaro/

Autore: redattorecapo

associazione culturale Araba Fenice fondata a Bondeno (FE)

1 commento su “Da dove viene il denaro?”

  1. L’economista britannica Ann Pettifor spiega molto efficacemente come il riequilibrio dei conti pubblici non possa essere il risultato di aumenti delle tasse e di tagli di spese, non solo perché tali politiche restrittive drenano risorse dall’economia reale e impoverendola riducono lo stesso gettito fiscale, ma anche perché le imposte e le tasse non sono proprio da considerare come la fonte del finanziamento pubblico. La spesa pubblica si finanzia con l’emissione dei titoli del debito pubblico, fornendo così un rifugio sicuro all’impiego dei risparmi dei cittadini, ed è essa stessa poi a generare il reddito e quindi le entrate fiscali necessarie a rimborsare i titoli emessi.
    http://vocidallestero.it/2019/06/23/le-entrate-fiscali-finanziano-la-spesa-pubblica/

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: