La fine delle rivoluzioni

La Cina ha una metodologia ben sperimentata per affrontare la slealtà. Chiamatelo metodo del referendum  Tian’anmen. Se il tuo pensiero è sbagliato, ti viene detto cosa pensare. Se rifiuti, ti richiameremo all’ordine e ti insegneremo pazientemente cosa pensare. Se rifiuti ancora, ti spariamo.

Mi chiedo quanti di questi giovani manifestanti di Hong Kong si rendano conto di come sarà il loro futuro. (I giovani hanno spesso uno scarso controllo dei loro impulsi, sono facilmente influenzabili e, non avendo una buona comprensione del rapporto causa-effetto, spesso non sono in grado di immaginare le conseguenze delle loro azioni). Sembra che il governo cinese stia lasciando che gli eventi facciano il loro corso, per ora. Questa è chiamata la fase “mark” di un algoritmo “mark and sweep“. Una volta che tutti i manifestanti saranno stati debitamente identificati (ora ci sono telecamere ovunque, specialmente in una città sovraffollata come Hong Kong, e il software di riconoscimento facciale è abbastanza efficace), il loro punteggio sociale sarà ridotto a zero, il che significa che non saliranno mai più a bordo di un aereo o di un treno, non occuperanno mai più una posizione di responsabilità o di autorità e potranno solo sperare in una vita di ozio (se ricchi) o di lavorare in fondo alla scala sociale (se poveri).

Come altre tecniche americane di cambio di regime, siano esse militari o finanziarie, la metodologia della Rivoluzione Colorata non è più in grado di produrre i risultati previsti, vale a dire il rovesciamento dell’autorità legittima e l’installazione di un governo fantoccio. Ma, proprio come le altre tecniche, è ancora in grado di fare vittime. A tutt’oggi, l’establishment di Washington ha perso completamente l’iniziativa, sia a livello nazionale che internazionale. Le guerre commerciali sono state perse, le guerre delle sanzioni sono cadute nel ridicolo, le minacce di escalation militare si sono rivelate vuote. L’intero sistema finanziario americano è un morto che ancora cammina. Cosa possono sperare i Washingtoniani? Beh, possono ancora usare la metodologia della Rivoluzione Colorata per fomentare rivolte futili ed inutili e, nel farlo, rovinare molte giovani vite.

 

Fonte: lesakerfrancophone.fr
Link: https://lesakerfrancophone.fr/lautopsie-de-la-revolution-de-couleurs
Scelto e tradotto da Markus per comedonchisciotte.org

Autore: redattorecapo

associazione culturale Araba Fenice fondata a Bondeno (FE)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: