Pandemia, confinamento, disastro economico: siamo in guerra?

di Peter Koenig – 17/02/2021

Fonte: Arianna editrice

Siamo in guerra. Sì. E non intendo l’Occidente contro l’Oriente, contro Russia e Cina, né il mondo intero contro un invisibile coronavirus. No. Noi, la gente comune, siamo in guerra contro un sistema globalista elitario sempre più autoritario e tirannico, governato da un piccolo gruppo di multimiliardari, che già decenni fa aveva pianificato di prendere il potere sulle persone, controllarle, ridurle a quello che una minuscola élite crede sia un “numero adeguato” per abitare Madre Terra, e per digitalizzare e robotizzare il resto dei sopravvissuti, riducendoli a una sorta di schiavi. È una combinazione di “1984” di George Orwell e “Brave New World” di Aldous Huxley. Benvenuti nell’era dei transumani. Se lo permettiamo. Ecco perché la vaccinazione è necessaria a velocità supersonica, per iniettarci sostanze transgeniche che possono cambiare il nostro DNA, per timore che possiamo svegliarci e che una massa critica possa diventare cosciente e cambiare le dinamiche. Perché le dinamiche non sono prevedibili, soprattutto non a lungo termine. La guerra è reale e prima ce ne rendiamo conto tutti, prima quelli con la mascherina e quelli che rispettano il distanziamento sociale prendono coscienza delle situazioni distopiche “anti-umane” mondiali, con cui abbiamo permesso ai nostri governi di sottometterci, maggiori sono le nostre possibilità di riprenderci la nostra autonomia e sovranità. Oggi ci troviamo di fronte a regole del tutto illegali e oppressive, tutte imposte con il pretesto della “tutela della salute”. La disobbedienza è punibile con enormi multe; regole liberticide: indossare la maschera, allontanamento sociale, mantenersi entro il raggio consentito delle nostre “case”, mettere in quarantena, stare lontano dai nostri amici e famiglie. La verità è che prima noi, il popolo, riprenderemo una vecchia caratteristica dimenticata del genere umano – la “solidarietà” – e combatteremo questa guerra con la nostra solidarietà, con il nostro amore reciproco, a favore dell’umanità, con il nostro amore per la VITA e il nostro Amore per Madre Terra, prima diventeremo di nuovo esseri liberi e indipendenti, una caratteristica che abbiamo perso gradualmente negli ultimi decenni, al più tardi dall’inizio dell’assalto neoliberista degli anni ’80. Pezzo per pezzo i diritti umani e i diritti civili sono stati tagliati con falsi pretesti e con la propaganda sulla “sicurezza”, al punto che noi, annebbiati e spaventati dalla propaganda di “pericoli” immaginari o costruiti di ogni tipo, abbiamo implorato maggiore sicurezza e abbiamo ceduto volentieri le nostre libertà e diritti.  All’improvviso ci rendiamo conto che non è rimasto niente. Abbiamo permesso che accadesse davanti ai nostri occhi, perché ci avevano promesso che avrebbero provveduto a risarcirci e proteggerci, e ora tutto viene dato  alle multinazionali, a questi piccoli gruppi di elitari – i globalisti, nella loro sete di potere e di ricchezze senza fine. A loro vengono dati altri miliardi.

Non hanno amore. Nessuna anima, nessun cuore, solo una pompa del sangue meccanica che li tiene in vita, se si può chiamare così una tale “vita”.

Queste persone, i globalisti, sono affondati così profondamente nella loro disfunzione morale, totalmente privi di etica, che è giunto il loro momento di essere giudicati in base agli standard internazionali sui diritti umani, sui crimini di guerra e sui crimini contro l’umanità, come è stato fatto dal Processo di Norimberga dopo la seconda guerra mondiale, o scomparire, accecati da una nuova epoca di luce. Con l’aumentare del numero di persone che si stanno risvegliando, i potentati occidentali stanno diventando sempre più nervosi e non risparmiano sforzi per costringere tutti i tipi di persone che fanno parte dell’apparato governativo e istituzionale, personale amministrativo, personale medico, persino medici indipendenti, a difendere e promuovere la narrativa ufficiale. È così evidente, queste persone esprimevano opinioni diverse in tempi “normali”, e poi le loro opinioni progressiste si sono improvvisamente uniformate, con un cambiamento di 180 gradi, alla narrativa ufficiale, difendendo le bugie del governo, le bugie delle “Task Force scientifiche” che “consigliano “I governi, e quindi forniscono ai governi degli alibi per ” stringere il cappio “un po’ di più intorno alle persone, le stesse persone che i governi dovrebbero difendere e per le quali dovrebbero lavorare; le bugie e i messaggi ingannevoli provenienti da “scienziati” a cui vengono promesse “eterne, infinite scalate di carriera”. Cos’altro possono ottenere inoltre per cercare di modificare le opinioni dei loro amici, coetanei, pazienti sulla malattia dell’orrore “covid-19”? – Forse qualcosa che è importante per la vita stessa – ed è fondamentalmente gratuito per i ricchi . Ad esempio, un certificato di vaccinale senza essere stato vaccinato dalle iniezioni tossiche, magari invece da un placebo, restituendo loro il mondo dei viaggi e delle attività piacevoli come “prima”. A proposito, qualcuno ha notato che in questa stagione influenzale invernale 2020/2021 l’influenza è quasi scomparsa? Perché? È stata convenientemente riconvertita in covid, per ingrossare ed esagerare le statistiche covid. È un obbligo dettato dai globalisti, il vertice “invisibile”, i cui nomi non vengono mai pronunciati. I governi devono rispettare le “quote covid”, per sopravvivere al martello dei globalisti. Altri vantaggi speciali per coloro che sono i compiacenti difensori della narrativa ufficiale, oltre ai vaccini con placebo, possono includere la dispensa dall’allontanamento sociale, dall’uso della maschera, dalla messa in quarantena e, chissà, un importante premio monetario. Niente sarebbe sorprendente,  vedendo come questa minuscola cellula malvagia sta accrescendo il proprio potere come un cancro, per assumere il completo dominio del mondo, incluse Russia e Cina, dove ci sono gran parte delle risorse naturali del mondo.

Non ci riusciranno.

Siamo in guerra? Infatti. Il 99,9% contro lo 0,1%.

Cercano di dividerci per dominarci.

Mi vengono in mente le famigerate parole, pronunciate già più di mezzo secolo fa dal pupillo dei Rockefeller, Henry Kissinger: “Chi controlla il cibo, controlla i popoli; chi controlla l’energia può controllare interi continenti; chi controlla il denaro può controllare il mondo “.

Di seguito sono riportate alcune frasi pensieri di un articolo del 1 gennaio 2021 di Helen Buyniski intitolato “Guerra civile, discriminazione medica, satelliti spia e cyborg! Come il 2021 potrebbe farci rimpiangere il 2020 ”. L’articolo fa delle ipotesi su ciò che potrebbe accadere nel 2021, cose che di certo non desideriamo: “Le persone ovunque sono ansiose di dire addio al 2020, un anno in cui le nostre vite sono state sconvolte dalle élite folli di potere che hanno usato la pandemia di Covid-19 come un’opportunità per creare uno stato di polizia globale…  L’umanità è stata spinta al limite con regole arbitrarie, povertà forzata e isolamento imposto: ci vorrà solo una scintilla o due perché le cose esplodano “. E continua – “Man mano che i vaccini saranno distribuiti al grande pubblico, il divario tra coloro che obbediscono alle regole e i dissidenti non farà che aumentare. Coloro che si rifiutano di ricevere la vaccinazione saranno trattati come paria, banditi da alcuni spazi pubblici e verrà detto che è colpa loro se la vita non è tornata alla normalità.

“Chi non è entusiasta all’idea di ingerire un composto sperimentale i cui produttori sono stati esentati da eventuali azioni legali, sarà considerato un nemico dello stato. Sì, siamo nel bel mezzo della guerra. Una guerra che ha già devastato la nostra società, divisa fino all’interno delle famiglie e degli amici. Se non stiamo attenti, potremmo non avere più il coraggio di guardare i nostri figli e nipoti negli occhi, perché sapevamo, avremmo dovuto sapere cosa stava succedendo e cosa sta facendo una piccola élite di potenti nell’ombra: i globalisti. Dobbiamo uscire dalla nostra zona di comfort e affrontare il nemico con una coscienza risvegliata e un cuore pieno di amore, ma anche con una feroce resistenza. Se non riusciamo a farci avanti e difendere i nostri diritti, questa guerra continuerà e le generazioni future non potranno né sapranno  riunirsi con altre persone. Stanno già condizionando i nostri figli a tenersi lontani da amici, colleghi di scuola, coetanei e dal giocare in gruppo tra loro: la nuova normalità.

Fare a pezzi il tessuto sociale è una condizione per un regime totalitario. Loro, i globalisti, sanno benissimo che, una volta che una civiltà ha perso la sua naturale coesione, hanno vinto la battaglia. Forse non la guerra, perché la guerra durerà finché ci sarà resistenza.

Quello che vogliono è una dittatura di una piccola élite globalista, che controlla una piccola popolazione di servi, o schiavi robotizzati, che si muovono solo quando gli viene detto, non possiedono nulla e ricevono un reddito universale controllato dal blockchain digitale, che, a seconda del loro comportamento e obbedienza, possano utilizzare per acquistare cibo e l’indispensabile per la sopravvivenza. Una volta che gli schiavi si ribellano, il loro denaro virtuale controllato elettronicamente viene semplicemente spento.

Questa potrebbe rivelarsi la guerra più devastante che l’umanità abbia mai combattuto. Che Noi, Popolo, possiamo vedere attraverso questa orrenda finzione che si sta già svolgendo, nell’anno uno dell’Agenda 21/30 delle Nazioni Unite; E possiamo noi, il popolo, la gente comune, vincere questa guerra contro un’élite assetata di potere e i suoi amministratori e pseudoscienziati venduti e corrotti, e ripristinare una società sovrana, sincera, socialmente  – in solidarietà.

traduzione a cura di Sonia Savioli

Autore: bondeno

redazione bondeno.com

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: