Zone di bonifica

nei Paesi infestati dalla malaria le persone assumono frequentemente l’ idrossiclorochina che è la sostanza di elezione contro la malaria e dunque tendono ad ammalarsi molto di meno. 

Consideriamo per esempio la Tanzania che è una delle aree più colpite dalla malaria, come sanno bene i turisti che devono seguire una profilassi adeguata prima, durante e dopo il viaggio per evitare il rischio di ammalarsi. L’intera popolazione del Paese è praticamente identica a quella dell’Italia, vale a dire 59.734. 218 persone, e il 93 % di essa vive in aree malariche per cui assume una volta a settimana una dose di idrossiclorochina fornita gratuitamente dal governo come prevenzione contro la malaria. Ma tutti sappiamo anche che questa sostanza è attiva anche contro il covid sebbene si sia cercato in tutti i modi di soffocare questa evidenza, anche con operazioni al limite della truffa scientifica, nonostante i numerosi studi e anche l’intervento del prof Raoul, uno dei più illustri virologi del mondo che fin dalla primavera del 2020 cercò di focalizzare l’attenzione su questo tipo di cura .

https://ilsimplicissimus2.com/2021/07/16/il-mal-di-africa-dei-pandemici-153071/

Nota: Senza andare fino in Tanzania, anche il Ferrarese era zona malarica e lo dimostra la frequenza della microcitemia (morbo mediterraneo) che ci conferisce una certa immunità dal Covid (come del resto rilevato dalle statistiche).

Autore: bondeno

redazione bondeno.com

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: