Auri sacra fames

Comunque il fatto sostanziale è che Merk venderà la sua pillola magica a un prezzo 40 volte superiore : 700 dollari per ciclo di cura contro un costi di produzione di 17 dollari. E per fortuna che siamo in emergenza per un terribile morbo. In realtà il farmaco per trattamento costa in India ( da dove presumibilmente verrà importato)  circa 2,5 dollari. E così voilà che il prezzo di vendita sale a 280 volte il costo. E già vedo profilarsi il periodo in cui si potrà ottenere il green pass con l’acquisto di queste pillole o di altri trattamenti altrettanto costosi. Così sebbene si prevede che Pfizer e moderna rastrelleranno l’anno prossimo 93 miliardi di dollari di puri profitti con i soli vaccini, ma non è detto che altre industrie farmaceutiche non possano fare affari stratosferici con farmaci collegati. Di sicuro la mattanza di soldi, di libertà e di vite continuerà imperterrita fino a che non si rinsavirà.

Di Marco Di Mauro, Raffaele Varvara, Lucien Bôle-Richard per ComeDonChisciotte

Tutti i muri, anche i più solidi, prima o poi si sgretolano. Anche quello dell’omertà. E quando avviene, ci si rende conto che bastava una persona, una sola, che fosse rimasta umana. La persona che ci ha testimoniato ciò che state per leggere è un medico del 118 di grande esperienza, l’avrete vista forse in una delle tante clip televisive, vestita da palombaro a recare sostegno a chi veniva lasciato ad attendere la morte a sorsi di paracetamolo, o incrociata per strada mentre andava a sirene spiegate. È vero, molte voci di medici si son levate contro il ricatto dell’obbligo vaccinale sin dall’inizio dell’anno, ma mai prima d’ora si era esposto un insider vero e proprio, uno di quelli che quotidianamente tratta sia i casi di Covid, sia quelli di effetti avversi da vaccino. Uno che gli ospedali li vive davvero, a contatto con tutto ciò che i media ci nascondono, a cominciare dal fatto che questi “vaccini” anti-Covid sono letali per i più fragili. Sì, proprio quelli su cui in questo momento si stanno facendo le terze dosi. Quello che ci ha detto conferma tristemente le nostre peggiori aspettative: ci auguriamo sia il primo tassello per parlare della campagna vaccinale come di una vera strage di stato, la peggiore della storia italiana. Perché non si tratta di una, due o tre bombe, qui hanno avvelenato per sempre milioni di persone. Oltre a una pressoché totale occupazione degli ospedali da parte dei lobbisti privati, che porterà presto allo smantellamento del servizio di emergenza pubblico, il 118. E il fatto che esistano medici come questa persona, che non si sono fatti zittire dalla paura di perdere i propri privilegi di casta, che non hanno accettato acriticamente il passaggio della medicina da scienza al servizio dell’uomo a uomo al servizio della scienza, ci riempie il cuore di orgoglio. E ci fa sentire fortunati di aver incontrato, nella parte più nera di questa notte della civiltà, un medico vero.

segue su https://comedonchisciotte.org/il-medico-del-118-rompe-lomerta-sui-piu-fragili-il-vaccino-anti-covid-e-larma-letale/

Ricatto di stato

Ricatto di Stato

Uno strumento che ha un anno di validità e che dunque non copre i pochi mesi di efficacia dei vaccini. Vaccini i quali, peraltro, non impediscono al Sars-Cov-2 di circolare anche tra i soggetti vaccinati, sebbene i virologi star ci spiegano che con essi si evitano le conseguenze gravi della malattia. Conseguenze che, vorrei sommessamente ricordare, per la stragrande maggioranza delle persone in buona salute, non sono mai state drammatiche neppure quando gli stessi vaccini erano ancora nella fase sperimentale. Dunque, tirando le somme del mio ragionamento, se il vaccino serve unicamente a proteggere chi rischia di ammalarsi seriamente di Covid-19, ossia i soggetti fragili, senza peraltro bloccare la catena dei contagi, per quale assurda ragione si deve impedire a un giovane lavoratore immunocompetente di operare una libera scelta, anziché costringerlo con un ricatto di Stato ad accettare ob torto collo questa sorta di Tso mascherato? Un Tso che secondo molti studi, sempre in merito ai soggetti in buona salute, sembra comportare rischi di reazioni avverse addirittura superiori a quelli del Coronavirus.

estratto da nicolaporro.it

Farsesco

Dunque di fatto la vaccinazione costituisce un rischio inutile per tutti tanto più che parecchi  studi di cui uno giapponese  molto completo, mostrano che protezione diminuisce rapidamente, si dimezza per così dire ogni due mesi e si esaurisce completante dopo sei mesi, mentre altre ricerche mostrano che il sistema immunitario innato , che deve occuparsi della difesa non appena viene meno la protezione specifica, risulta più debole e meno efficace contro virus e batteri . Il Prof. Sucharit Bhakdi lo ha recentemente confermato in un’intervista. E’ evidente che se si volesse seguire la cosiddetta scienza, anche solo in via precauzionale,  bisognerebbe immediatamente interrompere le campagne vaccinali e disfarsi dei green pass della vergogna. Il non farlo e il non dirlo da parte di autorità sanitarie che lucrano sulle vaccinazioni, di governi al servizio dei comitati di affari e di cosiddetti intellettuali così stupidi da paragonare il green pass alla patente di guida, ma sufficientemente furbi da far fruttare la loro idiozia o malafede, è di certo la vergogna del secolo.

Bocciata al Senato (in Francia)

Con grande coerenza  le nostre fonti di disinformazione, galvanizzate contro il ” fascismo” dei no green pass e dall’appuntamento di inizio dittatura del 15 ottobre,  non ci hanno voluto far sapere che Il Senato francese ha bocciato la proposta di legge sulla vaccinazione obbligatoria contro il Covid che era stato presentato – tanto per cambiare – dal gruppo parlamentare socialista. La votazione si è conclusa con 262 no e solo 64 si. La proposta di legge era stata presentata dal senatore Bernard Jomier un figuro tutto political correct che però è stato in prima linea nel bloccare le cure anticovid e specialmente quello con l’idrossiclorochina di cui si era fatto paladino il professor Didier Raoult, uno dei virologi più noti del pianeta.

La svolta

Stanno provando a tornare alla “strategia della tensione” degli anni ’70…

Il giornalismo mainstream invece di strillare, come una gallina stridula, al presunto pericolo “rosso-nero”, che è inesistente, si impegni piuttosto a rammentare alle massime cariche istituzionali di questo disgraziato Paese che, come insegnano i filosofi della Politica sin dai tempi di Platone ed Aristotile, l’Autorità politica la fiducia, se non l’amore, dei cittadini deve meritarsela e che per meritarsi detta fiducia essa deve mantenere un comportamento cristallino e leale nei confronti dei governati.
Altrimenti, come sosteneva tra gli altri san Tommaso d’Aquino, i governati hanno diritto a ribellarsi benché con metodo non violento (salvo, per legittima difesa, il caso della repressione violenta da parte dello Stato delle pacifiche contestazioni e delle legittime opposizioni).

https://www.ariannaeditrice.it/articoli/la-nuova-strategia-della-tensione-19973

Scandinavia

Il vaccino Pfizer ha avuto anche più di 19 volte l’incidenza di miocardite nei bambini di età compresa tra 12 e 15 anni rispetto al previsto e ha anche riscontrato un aumento di 5 volte del tasso di miocardite dopo la seconda dose rispetto alla prima dose negli maschi di 15 anni. dunque si tratta di problemi scatenati da tutti i vaccini a mRna

Del resto anche una nuova ricerca pubblicata su MedRxiv, gli attuali vaccini COVID potrebbero essere potenzialmente più pericolosi per bambini e adolescenti  rispetto allo stesso Covid-19. Lo studio ha rilevato che dopo aver vaccinato bambini maschi sani con il vaccino i tassi di miopericardite definiti dai CDC statunitense erano molte volte superiori ai tassi di ospedalizzazione per lo stesso gruppo di popolazione e in sostanza i dati mostrano che, statisticamente, i vaccini hanno almeno sei volte più probabilità di causare problemi cardiaci rispetto al rischio di un adolescente di essere ricoverato in ospedale per Covid-19

Fauci (nomen omen)

Non sorprende inoltre che la paura dilagante sparsa da Fauci  sull’AIDS  negli anni ’80 non sia stata menzionata  dai media mainstream. La sua affermazione secondo cui 1 americano eterosessuale su 5 sarebbe morto di AIDS entro il 1990 è stata sommariamente dimenticata e l’uomo è stato trattato come un genio scientifico dai media da quando è cominciata la narrazione pandemica di cui peraltro Fauci è uno dei maggiori autori essendo stato il capo del National Institutes of Health (NIH) che ha finanziato la ricerca del guadagno di funzione sui corona virus al laboratorio di Wuhan Lab in Cina. Questa è la stessa ricerca sulla quale  Fauci ha mentito sfacciatamente al congresso  in più occasioni. È importante notare che sono stati Fauci e il NIH a  eliminare il divieto  di ricerca sul guadagno di funzione sui virus mortali nel 2017. In realtà la ricerca sul guadagno di funzione è stata originariamente vietata dalla Convenzione sulle armi biologiche entrata in vigore nel 1975, a meno che non fosse utilizzata per scopi terapeutici. Ora tutta la ricerca sul guadagno di funzione che viene rivelata pubblicamente è etichettata come terapeutica anche se in realtà è progettata per produrre armi biologiche. Questo è a volte indicato come “ricerca a duplice uso”.