Il miracolo di Elgg

E forse avrebbe agito in modo diverso se avesse letto del cosiddetto “miracolo di Elgg” avvenuto nella casa di cura Eulachtal  dove fu riscontrata positività al covid  in un totale di 56 persone, tra cui 25 molto anziane con malattie pregresse. Nessun caso ha richiesto il ricovero in ospedale e nessuno è morto. La soluzione all’enigma è stata svelata dal dirigente della struttura , che ha confermato l’erogazione della dose piuttosto bassa di 5600 UI di vitamina D a settimana. A questo punto però, visto che la terza dose non serve a nulla o comunque molto meno della banale vitamina D, bisogna cominciare a pensare  alla quarta dose come normalità e siccome anche questa non potrà portare a significativi cambiamenti essendo il meccanismo in sé fallimentare si dovrò arrivare alla quinta, alla sesta e così via. Sempre però con chiusure, quarantene, segregazioni, mascherine, distanziamenti perché è evidente che il virus si diffonde egualmente e forse trasforma i vaccinati in super diffusori.

Autore: bondeno

redazione bondeno.com

1 commento su “Il miracolo di Elgg”

Rispondi a bondeno Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: