Divisione Galizia

Ufficiali britannici hanno addestrato per  mesi il battaglione Azov. Se vi chiedete  il perché, ecco una pagina di storia dimenticata.

1945: inglesi  salvano   la divisione SS Galizien, genocida di polacchi ed ebrei, e ne fanno cittadini britannici 

Ex soldati della divisione della Galizia – circa 8.500 ucraini che, durante la seconda guerra mondiale, combatterono nei ranghi della divisione della Galizia (vedi sotto) formata come parte delle forze armate tedesche e che furono trasferiti nel Regno Unito dopo la guerra

Nel maggio 1945, quando la Germania si arrese alle potenze alleate, la divisione Galizia aveva sede in Austria. Ritirandosi verso ovest per evitare la cattura da parte dell’avanzata dell’Armata Rossa sovietica, la maggior parte dei suoi membri (circa 10.000) si arrese all’esercito britannico e furono temporaneamente internati vicino a Spittal. Le autorità sovietiche affermarono che i membri ucraini della divisione erano cittadini sovietici e chiesero il loro rimpatrio in URSS sulla base di un accordo raggiunto alla Conferenza di Yalta nel febbraio 1945. La posizione del governo britannico, tuttavia, era che l’accordo si applicava solo a persone che erano cittadini sovietici prima del settembre 1939 e quindi non si applicavano alla maggior parte dei membri della divisione, originari della Galizia governata dalla Polonia prebellica. Solo il numero relativamente piccolo di coloro che provenivano dall’URSS prebellica era soggetto all’accordo, ma anche in questi casi il governo britannico era riluttante a imporre il rimpatrio.

A maggio e all’inizio di giugno 1945 la divisione fu trasferita in Italia e internata in un campo vicino a Bellaria, sulla costa orientale italiana. Lì, circa 1.000 membri della divisione furono persuasi da una commissione di rimpatrio sovietica a tornare volontariamente in Unione Sovietica. Nell’ottobre del 1945 i restanti membri della divisione furono trasferiti in un campo nei pressi di Rimini, a poca distanza da Bellaria.

Dalla fine del 1945 il governo britannico iniziò a considerare come trattare con i membri della divisione a lungo termine. La questione divenne più urgente nel febbraio 1947 quando le Potenze Alleate firmarono il Trattato di Pace con l’Italia, che sarebbe entrato in vigore nel settembre dello stesso anno. La Gran Bretagna non voleva lasciare la divisione alle spalle dopo aver rimosso le sue truppe dall’Italia, temendo che il governo italiano potesse soccombere alle richieste sovietiche per il rimpatrio forzato degli ucraini. Il 1 aprile 1947 il governo britannico decise di trasferire la divisione nel Regno Unito. Mentre in Italia i suoi membri erano designati come personale nemico arreso, al momento del trasferimento nel Regno Unito sono stati riclassificati come prigionieri di guerra.

Nei mesi di maggio e giugno del 1947, 8.570 ucraini furono trasportati via mare da Venezia alla Gran Bretagna. Il gruppo comprendeva 17 infermiere, un certo numero di sacerdoti e diversi parenti civili di membri della divisione. Gli ex soldati furono ospitati in campi di prigionia , principalmente nell’Inghilterra orientale e nel sud della Scozia. La maggior parte sono stati assunti per lavorare come braccianti agricoli, dove si sono guadagnati la reputazione di lavoratori coscienziosi.

Il trasferimento della divisione nel Regno Unito è stato inizialmente visto dal governo britannico come una misura temporanea imposta loro dalle circostanze, piuttosto che una soluzione a lungo termine, e le discussioni sul futuro degli ex soldati sono continuate. Il Ministero dell’Interno, in particolare, ha cercato opportunità per rimuoverli dal Regno Unito. La possibilità di trasferire gruppi di uomini in Canada, Stati Uniti e Argentina è stata studiata, ma all’epoca si è rivelata irrealistica. Nel novembre 1947 il Ministero dell’Agricoltura iniziò a considerare la possibilità di includere alcuni degli ex soldati nel programma dei Volontari Europei (EVW), in base al quale reclutava lavoratori dai campi profughiin Germania e Austria. In un primo momento, il ministero era pronto a prendere 4.700 ex soldati, mentre il resto, compresi quelli in cattive condizioni di salute o disabili, doveva essere trasferito nella zona di occupazione britannica della Germania. Ciò ha portato alle proteste dell’Associazione degli ucraini in Gran Bretagna e di numerosi enti di beneficenza britannici. Alla fine, a causa della crescente domanda di manodopera aggiuntiva, fu deciso che quasi tutti gli ex membri della Divisione Galizia sarebbero stati rilasciati dallo status di prigionieri di guerra e assunti a lavorare nell’ambito del programma EVW. Il processo si svolse tra agosto e ottobre 1948.

Nel dicembre 1948 si decise di deportare in Germania alla fine del mese circa 300 ex membri della divisione. In segno di protesta contro la decisione, il 28 dicembre 1948 ebbe luogo uno sciopero generale degli EVW ucraini. Due giorni dopo il Ministero dell’Interno annunciò che solo 81 persone sarebbero dovute partire: 45 che scelsero di andare, principalmente per ricongiungersi ai parenti, e 36 con precedenti di comportamento insoddisfacente come prigionieri di guerra. Di conseguenza, a oltre 8.000 ex soldati della divisione Galizia è stato permesso di rimanere nel Regno Unito come EVW. Molti di loro successivamente emigrarono in altri paesi.

Foto: ex soldati della divisione Galizia nel campo di prigionia di Hallmuir vicino a Lockerbie, in Scozia. 1948.

Bibliografia

Zahachevskyi, E., Bellaria – Rimimi – Anhlia: reportazh-spohady (Chicago-Monaco di Baviera, 1968)

Krokhmaliuk, R., Zahrava na Skhodi. Spohady i dokumenty z pratsi u Viikovii Upravi “Halychyna” v 1943-1945 rokakh (Toronto-New York, 1978)

Rimini 1945-1947. Persha ukrainska dyviziia Ukrainskoi natsionalnoi armii u britanskomu poloni v Italii. Zbirnyk I , ed. di VB Budnyi (New York, 1979)

Veryha, V., Pid sontsem Italii: Voiaky Dyvizii “Halychyna” – Pershoi UD UNA v brytiiskomu tabori polonenykh “5C” u Bellarii, Italia, cherven-zhovten 1945 (Toronto, 1984)

Heike, W.-D., La divisione ucraina ‘Galicia’, 1943-45: A Memoir , ed. di Y. Boshyk con un’introduzione di JA Armstrong, (Toronto-Parigi-Monaco di Baviera, 1988)

Bihl, W., ‘Ukrainians in the Armed Forces of the Reich: The 14th Waffen Grenadier Division of the SS’, in German-Ukrainian Relations in Historical Perspective , ed. di H.-J. Torke e J.-P. Himka (Edmonton-Toronto, 1994)

Logusz, MO, Divisione Galizia. La 14a divisione granatieri delle Waffen-SS 1943-1945 (Atglen, Pennsylvania, 1997)

Bolianovskyi, A., Dyvizia “Halychyna”: Istoria (Lviv, 2000)

Melnyk, MJ, In battaglia. La formazione e la storia della 14a divisione galiziana Waffen-SS , (Solihull, 2002)

Rimini 1945-1947. Persha ukrainska dyviziia Ukrainskoi natsionalnoi armii u brytanskomu poloni v Italii. Zbirnyk II , ed. di V. Revutskyi (Kiev, 2005)

Khromeychuk, O., Ucraini “indeterminati”. Narrazioni del dopoguerra della divisione “Galicia” delle Waffen SS (Oxford, 2013)

Shkandrij, M., ‘ La divisione ucraina “Galicia”: da vie familiari a vie di ricerca inesplorate ‘, Kyiv-Mohyla Humanities Journal , n. 6 (2019), pp. 1-23

Autore: redattorecapo

associazione culturale Araba Fenice fondata a Bondeno (FE)

3 pensieri riguardo “Divisione Galizia”

  1. La Russia non fa guerra al popolo ucraino, ma a un piccolo gruppo di persone intrinseche al potere statunitense, gruppo che ha trasformato l’Ucraina a sua insaputa: gli Straussiani. Meglio noti come “neocon”, neoconservatori . Una consorteria costituitasi mezzo secolo fa e che già ha perpetrato un numero incredibile di crimini in America Latina e in Medio Oriente, senza che il popolo statunitense ne fosse consapevole.
    E’ uscito nel 2002

    (mb: i più giovani non che non hanno “visto” l’11 Settembre architettato da Paul Wolfowitz e Richard Perle e né capito che si è trattato di un colpo di Stato, come ho scritto nel mio libro, commesso in Usa per lanciarlo in 20 anni di guerre per Israele, non sanno chi sono gli “straussiani”. Come spiega Meyssan,

    ..

    Sono personaggi, tutti ebrei, assolutamente non rappresentativi né degli ebrei statunitensi né delle comunità ebraiche nel mondo. Sono stati formati dal filosofo tedesco Leo Strauss, rifugiatosi, all’avvento al potere dei nazisti, negli Stati Uniti, ove divenne professore di filosofia all’università di Chicago. Molte testimonianze attestano che Strauss plasmava un ristretto gruppo di fidati allievi attraverso l’insegnamento orale, segreto, di cui perciò non esistono tracce scritte. Spiegava loro che il solo modo per gli ebrei di sottrarsi a un nuovo genocidio è costituire una propria dittatura. Chiamava gli allievi opliti (i soldati di Sparta) e li spediva a disturbare le lezioni dei rivali. Da ultimo insegnava loro la discrezione ed elogiava la «nobile menzogna». Strauss è morto nel 1973, ma la comunità studentesca si è perpetuata.

    Mezzo secolo fa, nel 1972, gli Straussiani iniziarono a formare un gruppo politico. Tutti facevano parte della squadra del senatore Democratico Henry “Scoop” Jackson, in particolare Elliott Abrams, Richard Perle e Paul Wolfowitz (j). Lavoravano a stretto contatto con un gruppo di giornalisti trozkisti, anche loro ebrei, che pubblicavano la rivista Commentary.

    Maurizio Blondet

    "Mi piace"

    1. È il loro gruppo che il presidente Putin ha definito «cricca di neonazisti».

      Nel 2017 Blinken fonda WestExec Advisors, società di consulenza di cui fanno parte ex alti funzionari dell’amministrazione Obama e molti Straussiani. L’attività di questa società è estremamente discreta. Utilizza le relazioni politiche degli adepti per fare soldi: ciò che in ogni Stato di diritto sarebbe chiamato corruzione.
      I NEOCON SEMPRE UGUALI A LORO STESSI

      Con il ritorno di Joe Biden alla Casa Bianca, questa volta come presidente degli Stati Uniti, gli Straussiani (neocon) governano l’insieme del sistema. Sullivan è consigliere nazionale per la Sicurezza, Blinken è segretario di Stato e al suo fianco c’è Victoria Nuland come sottosegretaria. Come ho riferito nei precedenti articoli, a ottobre 2021 Nuland si reca a Mosca e minaccia di schiacciare l’economia della Russia se questa non si mette in riga. È l’inizio dell’attuale crisi.

      A Kiev la sottosegretaria di Stato Nuland tira fuori di nuovo Dmitro Yarosh e lo impone al presidente Zelensky, ex attore televisivo protetto da Ihor Kolomoïsky, che il 2 novembre 2021 lo nomina consigliere speciale del capo delle forze armate, generale Valerii Zaluzhnyi. Quest’ultimo, autentico democratico, inizialmente si oppone, alla fine accetta. Interrogato dalla stampa sulla sorprendente coppia che forma con Yarosh, Zaluzhnyi si rifiuta di rispondere e allude a un problema di sicurezza nazionale. Yarosh offre tutta la sua collaborazione al “führer bianco”, colonnello Andrey Biletsky, e al suo Battaglione Azov. Dall’estate 2021 questa copia della divisione SS Das Reich è inquadrata da ex mercenari statunitensi di Blackwater [13].”

      "Mi piace"

  2. Stavo cercando di scrivere ieri questo articolo, ma è saltata la connessione internet ( che è gestita in USA da ICANN)
    MA la cosa più strana, nota Politikus Ru, è il silenzio americano. “ non che sia stata bombardata, ma che gli Stati Uniti tacciano. Qual è la risposta? Nessuna risposta. Molto probabilmente, degli istruttori della NATO sono morti, le attrezzature sono state distrutte, gli edifici: silenzio”.

    Già quello russo è un atto bellico diretto contro la superpotenza, e la superpotenza non reagisce. Silenzio.

    E non è solo il porto di Ochakov. E’ provato che nella “operazioni speciale” i russi hanno distrutto sistematicamente una dozzina di laboratori per armi biologiche e genetiche che gli Usa avevano sparso nel Paese, e qual è stata la reazione Usa?

    Il silenzio anche qui. Anzi qualcosa di peggio del silenzio. Riprendo da un sito: .

    “L’ambasciata degli Stati Uniti ha appena rimosso dal sito web tutti i documenti del loro laboratorio di armi biologiche in Ucraina

    https://ua.usembassy.gov/embassy/kyiv/sections-offices/defense-threat-reduction-office/biological-threat-reduction-program/

    proprio nell’ultimo giorno hanno rimosso tutti i file PDF dal sito web dell’ambasciata qui:

    https://ua.usembassy.gov/embassy/kyiv/sections-offices/defense-threat-reduction-office/biological-threat-reduction-program/

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: