Test di controllo

Fonte: Antonio Catalano

Come si fa a non capire che i gay pride rappresentano la testa d’ariete che il cosiddetto mondo libero utilizza per sfondare le resistenze di quei paesi che ancora si ostinano a voler affermare la propria sovranità? Sei mesi fa il patriarca della chiesa russa ortodossa, padre Kirill, lo aveva detto chiaro e tondo, e tutti a far finta di scandalizzarsi per quelle parole di verità. Che cosa aveva detto, tra l’altro, il patriarca? Che «oggi c’è un test per la lealtà di questo governo, una sorta di passaggio a quel mondo “felice”, il mondo del consumo eccessivo, il mondo della “libertà” visibile». Di quale test parlava padre Kirill? «Il test è molto semplice e allo stesso tempo terribile: questa è una parata gay. Le richieste a molti di organizzare una parata gay sono una prova di lealtà a quel mondo molto potente. E sappiamo che se le persone o i paesi rifiutano queste richieste, allora non entrano in quel mondo, ne diventano estranei». Quando il patriarca disse queste parole, all’interno di un discorso più ampio, nel nostro mondo “libero” si scatenò una cagnara contro la grave omofobia espressa nell’omelia del primo rappresentante della chiesa russa ortodossa.  
L’ultima prova della verità che i gay pride rappresentino un terribile test, una prova di lealtà al mondo sponsorizzato dai grandi potentati occidentali, ce lo offre la Serbia. La quale ha comunicato tramite il suo presidente, Aleksander Vučić, che ha cancellato l’Euro Pride che si sarebbe dovuto tenere a settembre perché l’evento rischia di favorire scontri tra gli Lgbt che arrivano da tutta Europa e quei serbi che non accettano la politicizzazione dell’orientamento sessuale con annessa propaganda. Se andiamo a dare uno sguardo al sito https://www.epoa.eu/home/ ci rendiamo ben conto a che cosa servano questi eventi. Nel sito, tra l’altro, si dice che: l’organizzazione europea lavora per sostenere gli organizzatori del Pride in ambienti ostili; attualmente gran parte degli sforzi sono concentrati sul sostegno ai colleghi in Ucraina; si invita tutti a unirsi nello sforzo di far riuscire l’EuroPride a Belgrado dal 12 al 18 settembre. Sì perché hanno comunque deciso di farlo, in barba al divieto.
Ma perché proprio la Serbia quest’anno deve subire questo test? Innanzitutto ricordiamoci di come la Serbia sia stata ferocemente bombardata dagli americani (con il nostro aiuto, allora presidente del consiglio D’Alema) nel 1999 e nessuna anima pia democratica allora provò dolore e sofferenza per una tragedia che si consumava nel cuore dell’Europa a poche centinaia di chilometri da noi. Poi teniamo presente che nonostante le forti pressioni la Serbia non si è allineata alle sanzioni internazionali contro la Russia, anzi ha trovato un’intesa strategica con essa per il rinnovo di altri tre anni del contratto sulla fornitura di gas naturale a condizioni estremamente favorevoli. Da considerare inoltre che la Serbia ha stretto un accordo con l’Ungheria (altro paese da praidizzare) che permetterà a questa di immagazzinare nei suoi impianti gas russo.
Chiaro a cosa serve l’Euro Pride. Padre Kirill era un visionario assillato da omofobia?

https://www.ariannaeditrice.it/articoli/euro-pride-in-serbia-per-normalizzare-un-paese-recalcitrante

Una modesta proposta

UNA MODESTA PROPOSTA
Potremmo inviare a Mosca Mattarella con il seguente messaggio:
“Memori del comune retaggio cristiano, anche noi in Italia siamo consapevoli del profondo significato del pentimento.
Ci dichiariamo perciò pentiti di esserci buttati in un conflitto che non ci riguardava, dopo averlo ignorato per otto anni, solo per compiacere gli alleati americani. Cesseremo perciò con efficacia immediata ogni ulteriore invio di armi ed aiuti, dichiarando la nostra duratura neutralità.
Ci dichiariamo altersì pentiti per l’immonda campagna di persecuzione etnica scatenata nei confronti dei russi in quanto russi, in contrasto con la decenza e con i tradizionali sentimenti di amicizia diffusi nel popolo italiano verso quello russo. Ci ripromettiamo di porre rinnovate basi per rapporti di cooperazione, scambio culturale e fratellanza.
A titolo di omaggio collaterale permetteteci di farvi dono dell’ex ministro Di Maio, dotato di pollice opponibile, già addestrato, che, potrebbe essere in grado di mescere le bevande al ministro Lavrov, stupendo i commensali.
Se a questo punto potessimo accedere alle condizioni contrattuali per le forniture di gas riservate ad un paese neutrale come l’India vi saremmo eternamente grati. (Per un piccolo sconto vi mandiamo anche Calenda.)”
Et voilà, così, semplice semplice, potremmo risolvere la crisi energetica e ripulire un po’ della peggiore classe dirigente della storia repubblicana. (Augurandoci che le elezioni facciano il resto.)
Andrea Zhok in
https://www.ariannaeditrice.it/articoli/per-risolvere-l-emergenza-energetica

Balle sesquipedali

Nel periodo pandemico si è avuta piena percezione di come questa disposizione autoritaria dei sedicenti rappresentanti del bene e del progresso fosse oramai pienamente consolidata. La quasi totalità dell’apparato mediatico non ha fatto una piega nel censurare ogni posizione scomoda e nel bastonare moralmente quelle che non gli riusciva di censurare. Qui il “bene superiore” era rappresentato dalla strategia sanitaria adottata, che veniva presentata come l’unione del vero, del bene e del giusto, rispetto a cui ogni scostamento era blasfemia. Il processo di controllo sull’espressione pubblica è stato coronato da straordinario successo e, in mancanza di un sufficiente contraltare, ancor’oggi la maggior parte dei cittadini italiani è persuaso della paccata di menzogne che sono state gabellate dai media mainstream.

https://www.ariannaeditrice.it/articoli/il-controllo-delle-anime-formazione-ed-informazione

N0ta: sesquipedale lo lessi per la prima volta su Topolino; tanto per rimarcare quanto sia calato il livello di tutto…

Agricoltura

Qui però si situa una delle possibili biforcazioni della guerra perché una delle ricchezze di base dell’Ucraina, la sua famosa terra nera che permette raccolti abbondanti anche usando minime quantità di fertilizzanti, è stata comprata per quattro soldi dalla compagnie occidentali, Monsanto, Cargill, Dupont e altre società tra anche una cui partecipa Bill Gates che peraltro è diventato anche il maggior proprietario terriero degli Usa.

Arresti cardiaci

Si vorrebbe non crederci, ma i vaccini sono stati così efficaci nel combattere il covid e nel migliorare la salute generale delle persone che in Inghilterra e Galles gli agenti di polizia vengono ritirati dalla lotta alla criminalità e dai loro compiti abituali per occuparsi dell’assistenza sanitaria trasportando persone con arresto cardiaco al pronto soccorso: un terzo del loro tempo viene ormai dedicato a quest’opera di surrogazione sanitaria. In pratica si devono far carico di un servizio nazionale sanitario che non è affatto riuscito a riprendersi dalla crisi covid e ora è in spaventoso ritardo rispetto alle richieste, carente di medici e di personale infermieristico che si pensa di importare da altri Paesi.

Bugie e statistiche

Come nel 2020, anche nel 2021 il Covid-19 ha avuto effetti sulla longevità all’interno dei vari paesi. Mentre alcuni sono riusciti a recuperare, tornando a livelli pre-pandemici, altri si sono attestati su valori della speranza di vita anche più bassi rispetto al 2020. L’analisi di Stefano Mazzuco e Stefano Campostrini mostra che i paesi che sono arrivati all’inizio dell’autunno con una buona copertura vaccinale sono riusciti a limitare l’eccesso di mortalità dovuta al virus.

https://www.neodemos.info/2022/06/21/covid-19-e-durata-media-della-vita-2019-2021-il-ruolo-delle-vaccinazioni/

Senza tema di smentita di un bicchiere mezzo pieno si può anche affermare che è mezzo vuoto (così come alcuni utenti di twitter possono dire che sono stati salvati dalle vaccinazioni)…

Chimera

Date: 22 Giugno 2022Author: ilsimplicissimus 9 Comments

Dagli Usa arriva una ricerca a suo modo esplosiva perché dimostra che la vaccinazione è più rischiosa dell’infezione. La ricerca condotta da sette tra i più importanti scienziati del settore tra cui l’editor del British medical Journal, Peter Doshi può essere sintetizzata in questa frase: “L’eccesso di rischio per eventi avversi gravi di particolare interesse ha superato la riduzione del rischio per i ricoveri COVID-19 rispetto al gruppo placebo sia nello studio Pfizer che in quello Moderna (2,3 o 6,4 per 10.000 partecipanti) .” E questo vale anche per i ricoveri e le ospedalizzazioni portando così a una riconsiderazione generale di tutta la vicenda che tuttavia era leggibile anche dagli studi clinici fatti per arrivare a un’approvazione di emergenza che a questo punto possiamo ampiamente sospettare che fosse stata già concordata con gli organismi di controllo. In un mondo normale che non esiste più, che è ormai una chimera o un’età dell’oro, tutto questo dovrebbe immediatamente portare a una sospensione delle campagne vaccinale e alla consapevolezza che tuti gli obblighi relativi alla puntura non hanno alcuna base etica.

https://ilsimplicissimus2.com/2022/06/22/monumento-ai-non-vaccinati/

Lituania

In realtà la Lituania è il perfetto esempio di vetrina occidentale che si rivela un sordido bugigattolo non appena si vanno a vedere le cose da vicino: disoccupazione giovanile al 20 per cento nonostante il crollo dei salari, aspettativa di vita a 70 anni, 20,6 per cento della popolazione sotto il livello di povertà assoluto, esportazioni in picchiata rispetto all’import tanto che quest’anno il deficit commerciale ha raggiunto gli 825 milioni di dollari ad Aprile. Ma con un pil nominale in crescita a causa della diffusione di un terziario futile e senza alcun valore al di fuori del Paese, dunque nient’altro che un trucco, come spesso accade con il Pil. In aggiunta il massimo interscambio commerciale è con la Russia. Del resto tutti i governi post sovietici sono stati infiltrati e di fatto eletti grazie a meccanismi corruttivo mediatici ormai ben conosciuti ovunque. Insomma la situazione è drammatica, ma non seria: tanto che ora il ministro degli Esteri lituano Gabrielius Lansbergis. dice che la decisione di attuare un sorta di blocco ferroviario non dipende dal governo del Paese, ma fa parte dell’ultimo “pacchetto” di sanzioni europee.

leggi tutto https://ilsimplicissimus2.com/2022/06/21/quousque-tandem-lituania-abutere-patientia-russa