Moldavia

La curiosità geografica mi è nata quando ho letto in cronaca di Modena che un cittadino moldavo era stato trovato alla prova dell’alcoltest con livelli da coma etilico!

Dice Wikipedia : La Moldavia fu uno Stato autonomo popolato principalmente da abitanti di lingua neolatina (romena), a lungo tributario dell’Impero Ottomano, tra la fondazione nel XIV secolo e il XVIII secolo, quando venne spartita fra Turchi, Russi (la Bessarabia) e Austriaci (la Bucovina); la parte orientale, corrispondente all’attuale stato indipendente, venne occupata dall’Unione Sovietica nel 1940 ma fu riconquistata dalle truppe dell’Asse nel 1941durante la seconda guerra mondiale. Dal 1944 al 1991 fu occupata dall’URSS e trasformata in una Repubblica Socialista Sovietica, che dichiarò l’indipendenza il 27 agosto dello stesso anno.

Con l’avvento della guerra fredda l’Unione Sovietica si appropriò anche dell’Isola dei Serpenti (unica isola in mare aperto della Romania) per farne una base militare. All’interno dell’URSS fu ristabilita la Repubblica socialista sovietica moldava con i confini del 1940 che la privavano dello sbocco sul Mar Nero che storicamente invece esisteva: Cetatea Alba.

A partire dal 1969 si sviluppò a Chișinău un “Fronte Nazionale Patriottico” clandestino, che auspicava la creazione di una “Repubblica Democratica Moldava”, separata dall’Unione Sovietica con la recondita aspirazione di un’annessione alla Romania. I tre leader del Fronte (Alexandru Usatiuc-Bulgar, Gheorghe Ghimpu e Valeriu Graur) vennero arrestati nel 1971.

Nel febbraio del 1988 si ebbe a Chișinău una dimostrazione nella quale si chiedeva l’uso ufficiale della lingua moldava in sostituzione delrusso, utilizzo che venne sancito il 31 agosto 1989. Nel 1990 si tennero le prime elezioni per il parlamento, elezioni che furono vinte dal “Frontul Popular“, il cui leader, Mircea Druc costituì il primo governo. La repubblica sovietica divenne prima “Repubblica Socialista Sovietica Moldava” e quindi “Repubblica Moldava”, divenuta indipendente il 27 agosto del 1991, con i confini stabiliti nel 1940.

Italia a colori

di  Paolo Sensini Prima delle elezioni del 4 marzo 2018 a sinistra predominava un’ossessione: varare al più presto possibile lo Ius Soli a beneficio degli extracomunitari, in modo da rendere subito cittadini italiani una bella fetta di stranieri presenti sul territorio e ridurre la penisola una sorta di sala parto per le masse afro-islamiche in cerca di un approdo sicuro nella vecchia Europa. Un’operazione su cui i sinistrati e i loro media hanno inisistito fino al parossisimo e che poi, insieme a tutti gli altri disastri che hanno procurato durante la lunga fase del loro governo abusivo, ne ha determinato la disfatta elettorale. Capitolo chiuso? Cambio di strategia? Niente affatto, perché ormai l’unico “popolo” di riferimento su cui il PD conta di ritornare in sella, a parte il sicuro bacino elettorale dell’impiego pubblico e la minoranza chiassosa composta dalle truppe cammellate dei militonti da centro asociale, è composto dal numero sempre crescente d’immigrati presenti in Italia. Gli unici ormai, finché non si saranno fatti il loro partito, disposti a votarli. Ma c’è qualcosa in più su cui bisogna interrogarsi: per quale motivo se la maggioranza della popolazione rifiuta con forza questa politica insistono così accanitamente? Perché questa non è altro che una versione in salsa italiota della strategia del caos che si è manifestata prima con le “Rivoluzioni colorate” in Est Europa e poi con le cosidette “Primavere arabe” in Nordafrica e Vicino Oriente. E di cui il PD, ridotto ormai a un partito radicale di massa, è a tutti gli effetti l’esecutore locale.

Insomma, un modo per creare una situazione endemica d’instabilità sociale dovuta alle componenti etnico-culturali così diverse dei suoi abitanti, come si può osservare in maniera evidente nei paesi dove già esiste da anni una società multirazziale (Stati Uniti, Inghilterra, Francia, ecc.). In Italia sarebbe diverso rispetto a questi Stati? No, forse sarebbe ancora peggio visto il livello infimo, la corruzione e la balordaggine delle sue caste dirigenti. Insomma, una specie di marchio di fabbrica della premiata ditta Soros & co., che non a caso è diventato l’uomo simbolo di questa genìa di burocrati in servizio permanente.

https://www.controinformazione.info/la-versione-in-salsa-italiota-della-strategia-del-caos/

Come tutto ebbe inizio

Qual era la sua impressione della Siria prima della guerra? 
Era un bellissimo paese. Come mi aspettavo, mancava la libertà politica. Ma sono soprattutto rimasto sorpreso in modo piacevole. Ho apprezzato molto l’ospitalità orientale, e ho sperimentato una società pacifica e ordinata che non avevo mai sperimentato prima nel mio paese o altrove. Rubare e insolenza erano praticamente inesistenti. Molti gruppi religiosi ed etnici vivevano in armonia tra loro.
Il paese non aveva debiti e non c’erano i senzatetto. Al contrario, oltre 2 milioni di rifugiati dai paesi vicini, come l’Iraq, erano curati e trattati nello stesso modo dei nativi siriani. Inoltre, la vita quotidiana era molto economica, come il cibo. Scuole, Università e ospedali erano gratuiti anche per noi stranieri. Ho parlato con un chirurgo francese che mi ha detto che gli ospedali in Siria erano meglio di quelli in Francia.

Come è cominciato il conflitto in Siria? L’opinione prevalente in Occidente è che le prime proteste a Homs sono iniziate pacificamente, e che le cose sono precipitate (escalation) perché il governo ha reagito in modo violento.

Questo è una sciocchezza totale. Ho visto con i miei occhi come questa cosiddetta sollevazione popolare si è presentata a Qara. Un venerdì sera, nel novembre 2011, sulla strada verso il Vicariato dove ero invitato, ho visto un gruppo di circa quindici giovani presso la Moschea centrale. Gridavano che Assad era un dittatore, e che doveva lasciare il paese. Poi ho visto altri ragazzi che hanno fotografato queste scene. Hanno fatto tantissimo chiasso che mi ha dato i brividi. L’ho riferito al Vicario, ma lo sapeva già. Ha detto che già da tempo erano venuti qui alcuni uomini da fuori della Siria, per fare rumore, e invitando i giovani locali a scattare foto e video. Se consegnavano questi materiali ad Al Jazeera (emittente del Qatar n.d.r.), avrebbero ricevuto denaro. ”

 

Questo succedeva nello stesso tempo in cui è iniziata la violenza a Homs? 
Doveva essere intorno a quel tempo. Il padre olandese Frans van der Lugt, che viveva a Homs e fu poi ucciso lì, aveva anche visto e segnalato tutto questo nelle sue lettere dove scriveva anche che non era la polizia che ha iniziato a sparare, ma invece i terroristi nascosti tra i manifestanti.

Il ministro olandese degli affari esteri Bert Koenders ha dichiarato che Assad dovrebbe essere processato dalla Corte penale internazionale dell’Aia per i crimini di guerra.

Koenders è proprio come gli altri cosiddetti leader europei. E’ un ragazzino che fa il gioco di imperatore, pur non accorgendosi di non aver vestiti addosso. Chiunque, anche con mezzo cervello può vedere che lui è un burattino degli americani, dicendo esattamente le cose che è costretto a dire. Colui che serve gli interessi di potenze straniere e distrugge la vita delle persone di altre nazioni è un leader terrorista, indegno del nome di un uomo di stato.

Assad non ha sbagliato niente?

Guarda l’attacco con il gas velenoso in Goutha, vicino a Damasco, nel 2013, per cui Assad è stato accusato immediatamente. È così difficile capire che i terroristi erano dietro tutto questo?
Un anno prima dell’attacco con il gas velenoso, Obama ha detto che , “l’uso di armi chimiche implica una linea rossa”. In quel momento ogni giornalista dovrebbe aver pensato: “questo suona come il Presidente Bush, il quale ha detto che ” entro 48 ore, le armi di distruzione di massa dell’Iraq devono venire alla superficie”.
Ma i giornalisti si lasciano di nuovo ingannare.

Una Commissione internazionale d’inchiesta è stata inviata a Damasco, accompagnata dai media di tutto il mondo, e subito dopo il loro arrivo, c’è stato questo attacco enorme di gas velenoso, praticamente sotto il loro naso. Che tempismo, no? E questo precisamente a Ghouta, che è un’area disabitata, dove il popolo era già fuggito molto tempo fa. Entro due ore sono saltate fuori immagini con bambini morenti nelle stanze. Immagini di una qualità da Hollywood. Hanno scoperto che alcune foto sono stato scattate molto tempo prima e altre foto solo due ore dopo l’attacco. E da nessuna parte c’erano in vista le madri in lutto.

Tuttavia i padri e le madri erano assolutamente in lutto, ma essi non vivevano a Ghouta. I padri e le madri si trovavano a 200 chilometri di distanza, nei loro villaggi nei dintorni di Latakia. Loro hanno riconosciuto i loro figli nelle foto. Due settimane prima dell’attacco di gas velenoso infatti, i loro villaggi erano stati attaccati dai terroristi, che avevano rapito i loro figli. Così, questi bambini nelle immagini erano infatti bambini rapiti da Latakia, che sono stati uccisi per fare un colpo mediatico. Com’è possibile che ci siano tanti stupidi giornalisti che non hanno capito questo? Tutto questo è ben documentato nella relazione della madre Agnes-Mariam.

Leggi tutto: http://www.maurizioblondet.it/senza-putin-la-siria-avrebbe-cessato-esistere/