Quando potremo occuparci di cose serie?

I coronavirus sono sempre stati diffusi non solo nell’uomo, ma anche negli animali domestici e da fattoria e, naturalmente, anche negli animali che vivono allo stato brado tanto che  SARS-CoV-2 e varianti sono stati rilevati in visoni, roditori di vario genere e diversi animali da zoo, tra cui puma, gorilla e leopardi delle nevi. In un articolo pubblicato sulla rivista Emerging Infectious Diseases, i ricercatori dell’Università di medicina veterinaria di Hannover hanno esaminato la diffusione della malattia nei gatti domestici in Europa dopo aver raccolto tra aprile e giugno 2020, 2000 campioni di siero da gatti viventi in Europa tra cui 333 in Italia: 25 campioni sono risultati positivi al coronavirus. Complessivamente, la sieroprevalenza (la proporzione di animali con anticorpi per SARS-CoV-2)  è stata del 4,2% in Germania, del 3,3% nel Regno Unito, del 4,2% in Italia e del 6,4% in Spagna. Poiché la maggior parte delle infezioni da COVID-19 nei gatti ( e del resto anche nell’uomo) è lieve o asintomatica e ci sono poche prove di infezione da gatto a uomo, è probabile che la malattia sia stata trasmessa per la prima volta dall’uomo ai gatti attraverso un evento zoonotico.

https://ilsimplicissimus2.com/2021/11/09/la-gatta-sul-virus-che-scotta/

Autore: bondeno

redazione bondeno.com

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: