Il declino USA

Quello che sembra ormai piuttosto evidente è il fatto che gli USA sono una super potenza economica in declino ed hanno necessità di farsi finanziare dall’esterno per fare fronte al loro enorme deficit e per sostenere  il costo sempre più mastodontico del loro apparato militare/industriale che assorbe la gran parte del PIL statunitense. Secondo quanto scriveva Patrick Buchanan: ” Nessuna Nazione ha mai sperimentato una discesa di potere tanto rapida come quella degli USA”. Tuttavia, oltre alle ragioni geopolitiche esposte dal Buchanan,  esiste un motivo più profondo per quello che è il declino americano, non si tratta solo di scelte sbagliate adottate in politica estera e le guerre disastrose che gli USA hanno condotto in Asia e Medio Oriente, piuttosto si evidenzia che il “sistema americano” non è più visto come qualcosa di positivo e sembra non essere più un modello da seguire per gli altri paesi. Già la crisi economica aveva dato la mazzata definitiva mettendo gli USA sul banco degli accusati come responsabili per aver trascinato il mondo nella tempesta da cui molti paesi, come buona parte dell’Europa e dell’America Latina, non sono ancora usciti. Le guerre disastrose e la “strategia del caos”, praticata spregiudicatamente dalle amministrazioni USA, hanno fatto il resto. In mezzo a questo disastro, il primato americano è seriamente insidiato dallo strapotere asiatico, in particolare dalla potenza cinese che segna sempre nuovi record e che oggi è in grado di rappresentare il nuovo motore di svilupppo mondiale. Pechino non solo si sta mostrando in grado di contendere agli USA il posto di prima superpotenza mondiale, ma potrebbe anche proporsi come esempio alternativo per il nuovo secolo. Grazie all’ottima (apparentemente) salute della sua economia, poco toccata dalla crisi, la Cina propone un modello in cui il benessere economico si può realizzare senza i “formalismi” democratici dell’Occidente. In pratica Pechino fornisce l’esempio che un paese può assicurare ricchezza e benessere anche senza adottare il modello occidentale bypassando i diritti umani e le garanzie pseudo democratiche che sono la maschera formale dell’ attuale sistema occidentale. Questo processo di cambiamento di equilibri si è messo in moto da tempo e non sarà Trump a poterlo arrestare, mentre tutti gli indicatori ci dicono che il baromentro centrale dell’economia si sta definitivamente spostando verso l’Asia.

http://www.controinformazione.info/lamerica-di-trump-alla-ricerca-di-risorse-da-risucchiare-agli-altri-per-mantenere-il-suo-status-di-superpotenza/

Autore: redattorecapo

associazione culturale Araba Fenice fondata a Bondeno (FE)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: