Che fa, spinge?

Il conflitto tra la Federazione Russa e l’Ucraina intorno al Mar d’Azov si è intensificato in primavera, quando l’Ucraina ha arrestato la nave russa “Nord”, che è stata successivamente confiscata. Il suo capitano è stato accusato di aver visitato illegalmente la Crimea. Ad agosto, la petroliera russa Mechanic Pogodin è stata detenuta nel porto di Kherson. A settembre, le autorità ucraine hanno annunciato piani per rafforzare la presenza militare nel Mare di Azov e creare una base navale nella regione.
In risposta, la Federazione russa ha rafforzato le procedure per ispezionare le navi che si recano nei porti ucraini. Il presidente dell’Ucraina Petro Poroshenko ha definito gli eventi “l’occupazione del Mar d’Azov”.

Attualmente i rapporti tra i paesi prospicenti dell’area idrica sono regolati dal trattato sulla cooperazione per l’uso del mare di Azov e lo stretto di Kerch, firmato nel 2003. In questo si afferma che il mare e lo stretto sono le acque interne della Federazione russa e dell’Ucraina, e le navi mercantili e le navi da guerra dei due paesi godono della libertà di navigazione se vengono utilizzate per scopi non commerciali. Le navi mercantili di paesi terzi possono entrare nel mare attraverso lo Stretto di Kerch se vengono inviate al porto di uno dei paesi o se ne stanno tornando.
Le navi da guerra di paesi terzi hanno il diritto di spostarsi, se il loro obiettivo è visitare uno dei paesi su suo invito, d’accordo con l’altro paese. Allo stesso tempo, il 16 ottobre, il comandante della Marina ucraina, Igor Voronchenko, ha dichiarato: “Quello che le navi della flotta del VB e del Mar Nero stanno facendo per fermare e ispezionare le navi … non è illegale”. Tuttavia aggiunto:

Commentando il conflitto intorno ad Azov al dibattito al Parlamento europeo, l’alto rappresentante dell’Unione europea Federica Mogherini l’ha definita “il mare europeo”. L’ex vice primo ministro della Federazione russa, e ora il capo di “Roskosmos” Dmitry Rogozin, ha reagito a questa affermazione in modo più efficiente rispetto agli altri.

“Fu proprio con questo pretesto a metà del XIX secolo che le potenze europee attaccarono la Crimea russa e assediarono Sebastopoli”, ha scritto su Twitter. In generale, in Russia, la risoluzione è stata considerata un’interferenza nelle relazioni bilaterali tra i paesi. “Il mare di Azov è lo sbocco naturale della foce del fiume Don. È come se iniziassimo a essere interessati alla situazione nel lago di Ginevra, perché è tra la Francia e la Svizzera, e esprimiamo grande preoccupazione in merito “, ha dichiarato il rappresentante permanente uscente della Crimea al presidente russo Georgy Muradov.

L’interlocutore di Kommersant presso il ministero degli Esteri russo, compresa la direzione ucraina, ha assicurato che tutte le azioni di Mosca sono pienamente conformi alle norme del diritto internazionale e al trattato del 2003.

“Le guardie di frontiera russe e ucraine hanno il diritto di fermare qualsiasi nave per ispezione se ci sono sospetti sul contenuto delle loro stive o per quanto riguarda le attività dei tribunali”, ha spiegato il diplomatico. E ha notato che la parte russa non conosce alcuna richiesta formale da parte degli armatori ucraini. “Le affermazioni che la Russia cerca specificamente di limitare l’attività economica nel Mar d’Azov o nei porti di blocco non sono vere”, ha detto la fonte. Allo stesso tempo, ha sottolineato le azioni illegali di Kiev contro i pescatori russi, ricordando la detenzione della nave Nord, che Mosca considera come “un atto di pirateria”.

Prima di questo incidente, ha sottolineato il diplomatico, non ci sono stati problemi nel Mar d’Azov. Allo stesso tempo, ha reagito alle parole che la Russia sia impegnata nella militarizzazione del mare (su questo, in particolare, ha parlato Federica Mogherini). La fonte di Kommersant ha detto che la parte ucraina sta aumentando la sua attività militare nel Mar d’Azov: “Stanno costruendo una base a Berdyansk, stanno aumentando la loro presenza militare con l’aiuto americano, e sono chiaramente provocatori.
In tali condizioni, è naturale che i nostri servizi adottino misure per ridurre i rischi. ” Il rappresentante del ministero degli Esteri russo, Maria Zakharova, ha descritto la risoluzione del Parlamento europeo come “un’altra carta di propaganda che viene giocata dai colleghi occidentali”.

In Ucraina, la decisione del Parlamento europeo è stata vista con soddisfazione. Il presidente Petro Poroshenko ha espresso gratitudine ai deputati “per aver chiesto l’introduzione di ulteriori sanzioni mirate per le azioni aggressive del Cremlino nel Mar d’Azov e nello Stretto di Kerch” ed ha espresso la speranza “per l’attuazione pratica di queste iniziative”.
“Alla Russia viene fatto capire che nel Mar d’Azov non sarà in grado di fare ciò che temporaneamente ha fatto in Crimea”, ha detto Aleksandr Chernenko, un deputato di Blok Petro Poroshenko. “L’annessione strisciante di Azov, Mariupol e altri territori dell’Ucraina, più precisamente, il tentativo di questa annessione, è vista come tale nel mondo e non rimane senza risposta, inclusa una prevenzione”, ha detto a Kommersant, aggiungendo che si tenta di costruire il “mondo russo” anche ad Azov “.

Fonte: “Kommersant”

Traduzione: Sergei Leonov

https://www.controinformazione.info/il-mare-di-azov-agitato-dal-parlamento-europeo/

Autore: redattorecapo

associazione culturale Araba Fenice fondata a Bondeno (FE)

3 pensieri riguardo “Che fa, spinge?”

  1. Mentre Washington prepara una guerra, la Russia si predispone per la sua difesa nazionale, come assicura il responsabile russo della non proliferazione, Andréi Beloúsov.
    “Noi ci prepariamo per difendere la nostra patria, la nostra integrità territoriale, i nostri valori e la nostra gente (…) a differenza degli Stati Uniti , che stanno preparando una guerra”, ha detto Beloúsov, citato questo venerdì dall’agenzia russa Sputnik.

    Un giorno prima il presidente russo, Vladímir Putin, aveva sottolineato, nel corso di una riunione con i principali comandi militari del paese euroasiatico, la necessità di rinforzare l’Esercito russo di fronte a possibili minacce, dopo l’annuncio da parte di Washington della sua uscita dal Trattato delle Forze Nucleari di media gittata (INF).

    Questo venerdì, inoltre, il primo comitato dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite (AGNU) non ha inteso di voler dibattere questa intenzione degli Stati Uniti, nonostante che il suo presidente, Donald Trump, si è lanciato nel dire che il suo paese (gli USA) andranno ad accumulare armi atomiche fino a che la Russia e la Cina “intendano ragione”.
    https://www.controinformazione.info/la-russia-si-prepara-di-fronte-ai-piani-bellici-dei-neocon-usa/

    "Mi piace"

  2. di Paul Antonopoulos

    Il ritiro scioccante e destabilizzante degli Stati Uniti dal trattato INF, che in precedenza proibiva l’uso di determinati missili, che sono dotati di tecnologia nucleare, ha portato la Russia a capire che gli Stati Uniti si stanno preparando per fare guerra alla Russia.

    La Russia ha dichiarato ora, ufficialmente, sta preparando le sue difese e sta preparando la sua risposta a qualsiasi aggressione. A tal fine, il ministero della Difesa russo schiererà i sistemi di guerra elettronica Samarcanda in 13 unità militari, ha riferito recentemente l’agenzia.

    Il sistema Samarkand è l’arma EMP più avanzata al mondo e disponibile. Quando questo sistema d’arma viene dispiegata, le comunicazioni e l’elettronica – incluse macchine e veicoli che si basano su componenti elettronici (aerei, carri armati, ecc.) Non funzionano più. Gli Stati Uniti sono attualmente molto indietro rispetto alla Russia in questo settore della tecnologia, così come numerosi altri. Ciò sembra dovuto a inefficienze e corruzione nel complesso industriale militare interamente a scopo di lucro degli Stati Uniti.

    Il dislocamento dei sistemi sarà effettuato in posizioni strategiche, compresa la regione europea di Kaliningrad (tra Lituania e Polonia), e questi dovrebbero essere adottati in servizio entro novembre 2019.
    https://www.controinformazione.info/la-russia-prepara-le-proprie-difese-per-la-guerra/

    "Mi piace"

  3. La Crimea si è riunita con la Federazione Russa nel 2014 dopo che il 96,77% degli abitanti della penisola ha votato in un referendum per l’adesione alla Russia. L’Ucraina rifiuta di riconoscere i risultati delle votazioni e considera la Crimea il suo territorio. D’altra parte le pressioni internazionali, le sanzioni dell’Occidente e le altre affermazioni fatte dagli esponenti dell’Amministrazione USA non hanno cambiato la situazione attuale. Come dichiarato più volte dal presidente Putin, la questione della Crimea “è chiusa definitivamente”.

    Nota: Rispondendo al commento di Mike Pompeo, un commentatore russo ha notato che gli USA avrebbero dovuto applicare gli stessi principi che oggi proclamano per quanto riguarda lo stato del Texas e della California sottratti al Messico nel 1848 senza aver mai consultato la popolazione locale. Altri analisti hanno messo in evidenza che attualmente, le stesse potenze che reclamano alla Russia per la questione della Crimea, sono quelle che hanno ratificato e riconosciuto la secessione del Kosovo dalla Serbia avvenuta in forma unilaterale ed in violazione del diritto internazionale. Questo dimostra il doppio standard degli USA e dei loro alleati nelle questioni internazionali.

    Traduzione e nota: Sergei Leonov
    https://www.controinformazione.info/un-pompeo-delirante-esige-che-la-russia-restituisca-la-crimea-al-governo-dellucraina-giustamente-schierata-con-gli-stati-uniti/

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: